Questo sito contribuisce alla audience di

divezzamento

(o svezzamento), passaggio della nutrizione del bambino dal solo allattamento a un'alimentazione variata, che generalmente inizia nella seconda metà del primo anno quando il lattante si è abituato a mangiare e inizia ad apprezzare altri cibi. Da principio si sostituisce al secondo pasto di latte una pappa a base di brodo vegetale con l'aggiunta di creme prive di glutine, liofilizzati a base di carne, olio e formaggio grana. È molto importante introdurre un singolo alimento nuovo per volta, al fine di individuare la causa di ogni eventuale manifestazione allergica. Il divezzamento deve essere graduale. Non appena il lattante si è abituato ai nuovi alimenti, si riduce il numero dei pasti da cinque a quattro. Il divezzamento, che viene incontro a esigenze di carattere psicologico della mamma e del lattante (maggior autonomia e indipendenza reciproca), deve tener conto delle necessità nutrizionali in rapporto allo stadio maturativo dell'apparato digerente. Con intervalli di quindici o venti giorni si passa dalle creme alle farine, poi al semolino e da questo alla pastina; si devono somministrare prodotti privi di glutine (creme di mais o di riso) fino al sesto mese, allo scopo di prevenire i casi di morbo celiaco. È importante aggiungere ai pasti la frutta, per l'apporto di sali minerali e vitamine, ricordando che la mela è l'unico alimento ricco di ferro digerito dal neonato nei primi mesi di vita. La carne, alimento ricco di proteine, ferro e vitamine, si può somministrare tritata a partire dal sesto mese. Gradatamente l'alimentazione diventa varia in rapporto ai gusti e alle esigenze nutrizionali del bambino.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi