Questo sito contribuisce alla audience di

break-down adolescenziale

(o crollo psicotico adolescenziale), grave episodio acuto a insorgenza improvvisa, che può verificarsi prevalentemente nella prima adolescenza. Il quadro clinico è caratterizzato da confusione, disorientamento spazio-temporale, incapacità di distinguere fra sé e altro, fra reale e immaginario. Compaiono tematiche deliranti, confuse, associate a un'angoscia terribile, che può essere generale e indistinta, oppure riferita a cose o persone (il terrore di essere toccato). Tale angoscia, se di particolare intensità, può indurre il soggetto ad agire in modo violento contro sé o contro altri. Alcune volte il quadro clinico non è drammatico, ma si manifesta con una fobia grave, o con rituali ossessivi, che limitano molto il normale svolgimento delle attività quotidiane, o anche con un sintomo somatico invalidante. Si è constatato che, comunque, la prognosi non dipende dalla gravità del quadro clinico all'esordio, ma piuttosto dal tipo di struttura di personalità dell'individuo. Spesso il break-down adolescenziale è preceduto da segni premonitori (anoressia, cefalea, crisi vertiginose, svenimenti, dolori addominali senza causa organica) o da disturbi dell'apprendimento. La cura è di tipo psicoterapeutico e richiede la collaborazione della famiglia (i cui membri sono spesso spaventati e angosciati). La durata del trattamento è molto variabile. Nella fase acuta può essere necessario il ricovero ospedaliero. In alcuni casi, alla terapia psicologica si associa quella farmacologica specifica.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi