Questo sito contribuisce alla audience di

megacolon

condizione patologica caratterizzata dall'abnorme dilatazione del colon, a monte di un tratto ristretto, per lesione dei plessi nervosi delle pareti. Esistono anche forme psicosomatiche, specie del sesso femminile in età adulta o senile. La forma congenita (malattia di Hirschsprung) e la forma acquisita (da protozoi, nel morbo di Chagas) presentano una degenerazione delle cellule nervose (appartenenti al plesso mioenterico) che regolano la motilità nel tratto substenotico, in genere lungo alcuni centimetri e localizzato a livello rettosigmoideo, mentre a monte il colon si dilata per l'impossibilità delle feci di progredire nella zona lesionata. Simili disturbi sono stati segnalati a carico dell'esofago (acalasia), degli ureteri (megauretere) e dell'intestino tenue (sindrome da pseudostruzione cronica intestinale). La sintomatologia è caratterizzata da una stitichezza ostinata, che può durare settimane o anche mesi, oltre che da gonfiore addominale e da encopresi (incontinenza fecale continua con piccole perdite). La terapia medica si limita alla somministrazione di lassativi o di clisteri evacuativi, mentre con la chirurgia è possibile asportare il tratto danneggiato e ricongiungere il colon sinistro all'ano, conservando il riflesso di defecazione fisiologico.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi