Questo sito contribuisce alla audience di

càustici

sostanze ad azione locale capaci di distruggere i tessuti con i quali vengono a contatto. Sono càustici: gli acidi nitrico, solforico, tricloroacetico; gli idrati di sodio e di potassio; il cloruro di zinco, i fenoli, i cresoli ecc. Vengono talora usati per distruggere cellule e tessuti mediante causticazione. Per circoscriverne gli effetti e per facilitarne l'applicazione, sono impiegati sotto forma di paste e cilindretti, detti pietre, matite, lapis (nota la "pietra infernale", costituita da un cilindretto di nitrato d'argento). La loro azione è diretta essenzialmente sulle proteine cellulari, che vengono denaturate e coagulate, con relativa necrosi del tessuto. Hanno una certa importanza in campo tossicologico, in quanto possono essere assunti accidentalmente o a scopo autolesivo, con serie conseguenze sulle mucose del tratto digerente, come stenosi cicatriziali e perforazioni. Il primo soccorso si basa sul trattamento con sostanze tampone, che si deve effettuare in ospedale. Non vanno somministrati liquidi.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi