Questo sito contribuisce alla audience di

fasi sessuali

in psicoanalisi, le fasi dello sviluppo psicosessuale dell'individuo. Se ne distinguono tre: la fase orale relativa alla prima infanzia, nella quale la bocca, per l'esperienza che il bimbo fa nella suzione, è la più importante fonte di piacere; la fase anale (tipica dei bambini dai 2 ai 4 anni), in cui la libido è legata alla defecazione o al valore simbolico che può assumere; la fase fallica, caratterizzata dal primato degli organi genitali: l'individuo dapprima ne prende coscienza, poi tende all'esibizione, con successiva comparsa nel maschio della paura di essere privato del pene e, nella femmina, dell'invidia di non possederlo. È la fase culminante che prelude alla risoluzione del complesso di Edipo e che precede lo stadio adulto della genitalità.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi