Questo sito contribuisce alla audience di

antinfiammatori

(o antiflogistici), farmaci in grado di agire su manifestazioni locali o generali del processo infiammatorio. Molto spesso hanno anche una notevole attività antipiretica e antidolorifica. Sono impiegati nel trattamento di malattie reumatiche, nelle forme artrosiche a impronta degenerativa, nei reumatismi dismetabolici e in generale in tutte le forme caratterizzate da un'importante componente infiammatoria a carico dell'apparato scheletrico e muscolare. Il principale meccanismo di azione degli antinfiammatori è l'inibizione della sintesi delle prostaglandine (mediatori dell'infiammazione); si dividono in due principali categorie: quelli con struttura steroidea (vedi cortisonici); quelli non steroidei (vedi FANS). I cortisonici presentano maggiore efficacia, ma anche parecchi effetti collaterali, perciò il loro impiego è limitato alle forme più gravi, quando sia indispensabile. Più comunemente usati sono i FANS, che, seppure non esenti da effetti collaterali, presentano minore tossicità.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi