Questo sito contribuisce alla audience di

Il sonno

Il sonno rappresenta un processo biologico attivo durante il quale l'organismo compie un lavoro di rigenerazione: aumenta infatti la secrezione dell'ormone GH, la cui funzione principale è la sintesi delle proteine, la formazione di nuove cellule, la riparazione delle altre. Ciò rende il sonno una sorta di strumento terapeutico ed è quindi importante, soprattutto per la persona malata, che non si alteri l'equilibrio sonno-veglia.
 

Il sonno si articola in cicli della durata di circa 90 minuti, e ogni ciclo è diviso in 5 stadi. Lo stadio numero 5 è detto REM (Rapid Eye Movement, movimento rapido dell'occhio), ed è quello durante il quale si verificano i sogni.

Il ritmo sonno-veglia non è uguale per tutti e varia a seconda delle persone, diminuendo col passare degli anni (dalle 20 ore al giorno del lattante alle 6 ore al giorno dell'anziano). Vi sono diversi fattori che influiscono sul sonno:
- biologici (età, temperatura corporea, alimentazione, esercizio fisico);
- psicologici (umore, ansia, noia);
- ambientali (rumore, temperatura, umidità).
 

La cura dell'insonnia spesso è attuata ricorrendo sistematicamente a farmaci: va detto che questi devono essere assunti solo dietro prescrizione medica e secondo le dosi indicate, evitando il più possibile di incorrere nella dipendenza da farmaci.
Può essere conveniente assumere in alternativa leggeri tranquillanti e tisane che si possono acquistare in erboristeria.
 

Ridurre i disturbi causati da fattori ambientali e agire sui fattori psicologici permette di giungere a ottimi risultati.
Le persone anziane lamentano spesso insonnia: è opportuno spiegare loro che il bisogno di sonno diminuisce con l'età e che un buon esercizio fisico può favorire un riposo migliore.

Media

La ricerca farmacologica.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia

Vai alla sezione Autodiagnosi