Questo sito contribuisce alla audience di

Lesioni da decubito

Le lesioni da decubito costituiscono una delle più gravi complicazioni connesse con la prolungata permanenza a letto, soprattutto nei malati anziani. Sono piaghe della cute e dei tessuti sottostanti, che tendono a estendersi in ampiezza e profondità. Sono dovute alla compressione prolungata tra due superfici dure, costituite dal piano osseo e da quello d'appoggio, che provoca una riduzione dell'irrorazione sanguigna, fino alla necrosi dei tessuti. I soggetti più a rischio sono: le persone di età avanzata con muscolatura indebolita, spesso soggette a macerazione dei tessuti, dovuta a incontinenza urinaria o fecale non prevenuta da adeguate cure igieniche; le persone con difetti di circolazione; le persone obese, perché il tessuto adiposo è poco irrorato e l'eccessivo peso rende difficile la mobilizzazione; le persone molto magre o cachettiche, le cui prominenze ossee pronunciate aumentano il rischio di compressione.
La lesione da decubito passa attraverso le seguenti fasi: arrossamento; formazione di vescicole; escoriazione; necrosi.

La prevenzione delle lesioni da decubito
La prevenzione si basa su un'accurata igiene e frizioni frequenti; sul cambiamento di posizione del malato ogni 2-3 ore, sulla sostituzione frequente della biancheria del letto, sull'uso di strumenti quali i materassi antidecubito e presidi in silicone o in gel (materassi o cuscini).
In presenza di un arrossamento, sarà utile la detersione, il massaggio (frizione) e l'idratazione locale tramite pomate specifiche. Se invece è presente anche un'escoriazione, è opportuna un'accurata disinfezione con appositi prodotti. È comunque consigliabile richiedere il parere di un medico.

Media

Come evitare piaghe da decubito.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia

Vai alla sezione Autodiagnosi