Questo sito contribuisce alla audience di

E' morto Fidel Castro: il mito e la storia del leader della rivoluzione cubana

Si è spento all'età di 90 anni Fidel Castro, leader maximo della Rivoluzione Cubana. L’ex presidente cubano è sopravvissuto a dieci presidenti degli Stati Uniti. 

Eroe per la sinistra nel mondo e dittatore sanguinario per i nemici, è stato protagonista di una tenace battaglia contro la maggior potenza del mondo.

Ripercorriamo le tappe principali della sua vita straordinaria. 

Fidel Alejandro Castro Ruz naque nella Repubblica di Cuba, un arcipelago dei Caraibi settentrionali situato in una posizione strategica tra il Mar dei Caraibi, il Golfo del Messico e l'oceano Atlantico, il 13 agosto del 1926.

L’isola di Cuba iniziò il suo processo di indipendenza dalla Spagna quando gli Stati Uniti occuparono l’isola insediando un governo provvisorio. L’indipendenza fu riconosciuta nel 1902 ma, di fatto, l’isola diveniva un protettorato degli Stati Uniti d’America visto con scarsa benevolenza dai soldati e i sottufficiali autoctoni.

Fu così che il sergente Fulgencio Batista, approfittando della situazione di instabilità, divenne capo di stato maggiore dell’esercito e, nel 1952, prese il potere con un colpo di stato legittimato dagli Stati Uniti.

Insieme al fratello Raùl (attualmente presidente di Cuba), Che Guevara e Camilo Cienfuegos, Castro fu uno dei protagonisti della Rivoluzione Cubana che rovesciò il regime dittatoriale di Fulgencio Batista e proclamò l’istituzione della Repubblica di Cuba.

Il primo gennaio del 1959 le forze di Castro entrarono a L'Avana e, nel giro di pochi giorni, venne creato un nuovo governo sotto la guida del professore di diritto José Mirò Cardona.

L'8 gennaio Fidel Castro assunse il ruolo di Comandante in Capo delle Forze Armate ma dopo pochi giorni José Miró Cardona si dimise dalla sua carica e gli succedette proprio Fidel Castro, il futuro Lìder Màximo. I rapporti con gli USA erano sempre più difficili e Cuba stringeva legami sempre più stretti con l’Unione Sovietica dalla quale iniziava a ricevere aiuti economici e militari.

Nel 1962, in un discorso alla nazione, Castro si autodefinì marxista-leninista e affermò che Cuba avrebbe adottato un regime comunista.

Castro avviò un’importante campagna di alfabetizzazione nelle aree rurali dell’isola riducendo drasticamente il tasso di analfabetismo e rese l’assistenza sanitaria disponibile a tutti i cittadini.

Il regime cubano, da lui capeggiato per oltre 50 anni, si rese protagonista di azioni democratiche ed estremamente moderne così come dell’assurda negazione dei diritti dei gay.

In una recente intervista recente, però, Fidel Castro ha ammesso che si trattò di un errore.

Protagonista assoluto, con il suo carisma, della storia e della cultura del Novecento, Castro scoraggiò sempre il culto della sua persona: a Cuba non si trovano monumenti che lo raffigurino a differenza, ad esempio, di Camilo Cienfuegos o di Guevara.

Nel 2006, dopo 47 anni di governo, Castro cedette temporaneamente il potere al fratello Raúl, per sottoporsi a un intervento chirurgico ma un anno dopo, in una lettera pubblica, comunicò che non sarebbe più ritornato alla politica.

Durante il settimo congresso del Partito Comunista Cubano, nell’aprile di quest’anno (2016) Castro ha preso la parola con una spiazzante premessa “Presto avrò 90 anni. Presto sarò come tutti gli altri. Arriva il turno di tutti" alludendo ad un congedo ormai prossimo dalla vita benché sereno e naturale ma sottolineando come Cuba debba restare fedele alla responsabilità di far vivere i valori della rivoluzione: "le idee dei comunisti cubani rimarranno come prova che su questo pianeta, se lavori molto e con dignità, puoi produrre i beni materiali e culturali di cui gli esseri umani hanno bisogno" (fonte LA REPUBBLICA).

Il Congresso del partito comunista cubano si è concluso con la conferma dei vertici per i prossimi cinque anni. Il ritiro del presidente Raul Castro, già preannunciato, avverrà invece nel 2018.

Per conoscere meglio questa figura fondamentale per la storia del secolo scorso Oliver Stone ha realizzato due interessanti interviste-documentario sulla sua figura: Comandante, nel 2003 e Looking for Fidel, nel 2004.
 

26/11/2016