Questo sito contribuisce alla audience di

Pioggia di poesie su Milano

Una pioggia di poesie cadrà sulla città di Milano questo week-end. Dopo Londra, Berlino, Varsavia, Guernica, Dubrovnik e Santiago, fa infatti tappa nella città meneghina il tour mondiale Pioggia di poesie, per portare parole di pace al posto delle bombe legate alle guerre del ventesimo secolo.

Sabato 26 settembre centomila poesie di oltre 75 autori italiani e cileni contemporanei saranno lanciate su Piazza Duomo da un elicottero che sorvola la città: sarà uno degli eventi di poesia aerea più straordinari mai visti.

La Pioggia di Poesie su Milano è la settima tappa di un progetto a livello mondiale dedicato alle città che hanno subito bombardamenti aerei. Quest’anno è il turno della città sede di Expo 2015, pesantemente ferita durante la Seconda guerra mondiale. Tanto da conservare, nel suo ventre, alcune delle macerie, trasformate in due collinette ben visibili al Monte Stella e al parco Lambro. Ad organizzarla il collettivo di artisti cileni Casagrande con il sostegno del padiglione cileno di Expo-Milano, della Fundación Imagen de Chile e del Comune di Milano.

La selezione dei poeti italiani è stata curata da Amos Mattio della Casa della Poesia di Milano: Alessandro Anil, Pietro Berra, Marco Bini, Domenico Brancale, Carlo Carabba, Flaminia Cruciani, Andrea De Alberti, Alessandro De Santis, Veronica Fallini, Gaia Formenti, Mario Fresa, Marco Giovenale, Valerio Grutt, Federico Italiano, Simonetta Longo, Andrea Marchesi, Fosca Massucco, Gianpaolo Mastropasqua, Amos Mattio, Giorgio Mobili, Alessandro Pancotti, Michele Pasquariello, Alberto Pellegatta, Marco Pelliccioli, Rossano Pestarino, Stefano Pini, Andrea Ponso, Vito Russo, Flavio Santi, Carla Saracino, Damiano Scaramella, Francesca serragnoli, Annalisa Teodorani, Giovanni Turra.

In preparazione dell'evento di sabato, appuntamento giovedì 24 settembre alla Casa della Poesia di Spazio Formentini (via Formentini 10 Milano). Amos Mattio, Santiago Barcaza, Cristóbal Bianchi, Joaquín Prieto e Julio Carrasco, insieme al collettivo Casagrande e ai poeti coinvolti, si cimenteranno nella lettura dei testi che sabato prenderanno il volo.

I bombardamenti di poesie costituiscono l’iniziativa culturale più conosciuta del collettivo Casagrande, il cui lavoro, al confine tra letteratura, arte, performance e video, è molto vasto e variegato.

Qualche esempio? L’iniziativa di festeggiare nei modi più disparati i compleanni di autori deceduti, accendendo, ad esempio, 1300 candeline per il compleanno di Li Po o organizzando una "seduta spiritica" con Pablo Neruda. Oppure l'istallazione di un enorme Pinochet gonfiabile di più di 12 metri di altezza per il 40esimo anniversario del golpe davanti alle sedi di numerose istituzioni.

Foto © www.lacasagrande.org

15/09/2015