Questo sito contribuisce alla audience di

PlanIT Valley: in Portogallo la prima città intelligente ed eco-sostenibile

Una casa in cui riciclo e risparmio energetico siano al primo posto: non è l’idea utopica di un convinto ecologista ma il progetto che si nasconde dietro il nome di PlanIT Valley.

PlanIT Valley più che un’idea è un progetto e un modo di vivere che si esemplifica attraverso la costruzione di un paese in cui sarà proprio l’eco-sostenibilità ad essere messa al primo posto.

PlanIT Valley è una cittadina che sorgerà nella località di Paredes (distretto di Oporto, in Portogallo) e che funzionerà a pieno regime nel 2015 benché già dall’anno prossimo siano attesi i primi abitanti.

Gli architetti e ingegneri che si sono occupati della sua costruzione hanno deciso, per una volta, di non investire nel mattone ma di utilizzare i fondi per le tecnologia con la speranza di creare una città a impatto zero o quasi.

A PlanIT Valley le abitazioni, costruite secondo i dettami della bioarchitettura,  avranno una pianta esagonale col fine di ottimizzare gli spazi, mentre i tetti saranno ricoperti di vegetazione: un accorgimento che permette di assorbire pioggia e sostanze inquinanti andando, allo stesso tempo, a non disperdere il calore all’interno della casa durante l’inverno.

Inoltre si mirerà a non sprecare nulla: l’acqua utilizzata in cucina verrà riciclata nel wc e, infine, fino all’80% dei rifiuti verrà riciclato. Non mancherà la fitodepurazione e un grande cervello elettronico che controllerà tutto il sistema idrico ed energetico della città.

Alla costruzione dell’innovativo paese, infatti, troviamo anche i migliori informatici grazie ai quali verrà creato un sistema centralizzato per controllare il riscaldamento, l’aria condizionata e la raccolta differenziata dei rifiuti all’interno delle case.

Quello di PlanIT Valley è anche un tentativo di portare all’ordine del giorno nell’opinione pubblica il problema di un pianeta sempre più malato: solo con atteggiamenti responsabili volti al riciclo e all’eco-sostenibilità sarà possibile avere un futuro sano.

04/01/2011