Questo sito contribuisce alla audience di

Risultati di ricerca

Cerca nell'enciclopedia

Hai trovato 799 risultati per "Io"

io[Enciclopedia]
. La forma me si usa anche dopo quanto o come, in frasi comparative, a meno che il verbo non sia ripetuto: ne sa quanto me, prova a lavorare come lavoro io, e nelle esclamazioni: povero me! 2) È... il soggetto: io non c'entro, io dico la verità. B) Con stesso e medesimo: andrò io stesso. C) Con anche, nemmeno, proprio, appunto e simili: andrò anch'io; nemmeno io c'ero. D) Nelle contrapposizioni, tu andrai, io no. E) Quando è seguito da un'apposizione: io sottoscritto. F) Quando i soggetti siano più d'uno, io e tu, mio fratello e io. G) Quando sia soggetto di un verbo al congt., credeva che io...
io-iò[Enciclopedia]
adattamento di yo-yo.
nón io[Enciclopedia]
loc. usata come sm. [sec. XIX; calco del latino non ego]. Termine filosofico che designa ciò che si contrappone all'io e che costituisce quindi l'oggetto della sua conoscenza e della sua attività pratica. Il problema del rapporto tra io e non io è stato, nella storia della filosofia, al centro del pensiero di J. G. Fichte.
Io (isola)[Enciclopedia]
altro nome dell'isola greca di Nio.
Super-Io[Enciclopedia]
sm. [sec. XX; super-+io]. Secondo la psicanalisi, terza istanza o regione dell'apparato psichico, che si sviluppa al termine della fase edipica, sulla base dell'interiorizzazione delle norme morali dei genitori, particolarmente del padre. Costituisce una sorta di Io morale, che ha la funzione di controllare e limitare le attività istintive.
Io (mitologia)[Enciclopedia]
(greco Io, latino Io). Eroina della mitologia greca, amante di Zeus, sotto la specie umana e sotto la specie di una vacca alla quale il dio si univa sotto forma di toro. Io è collegata anche alla sposa di Zeus, la dea Era, della quale è una sacerdotessa in Argo; questo rapporto viene sconvolto dalla relazione amorosa con Zeus, ed Era diventa la persecutrice di Io. Proprio per farla sfuggire a questa persecuzione Zeus la trasforma in vacca; ma Era s'impadronisce di Io e la tiene sotto la sorveglianza di Argo. Quando Ermete, per comando di Zeus, uccide Argo, Era avventa contro Io un tafano...
Io (astronomia)[Enciclopedia]
100 e i 1000 km. La superficie di Io è dominata dalla presenza di formazioni e di effusioni di natura endogena che conferiscono accese colorazioni cromo-rosso-arancioni per la presenza di zolfo, di... da una profonda frattura crostale lunga 10 km. Nel marzo 1994, Io è stato nuovamente esaminato dal telescopio spaziale Hubble che ne ha fornito immagini dalla viva e variegata colorazione, sulla... , in principal modo, vanno fatte risalire alle risonanze perturbative indotte da Europa (satellite esterno, il cui periodo orbitale è doppio di quello di Io), le quali tendono a deformare l'orbita di...
Segréti dell'io, I-[Enciclopedia]
(Asrār-i Hudī), poema persiano di contenuto filosofico di Muḥammad Iqbāl, pubblicato nel 1915. Il poeta indo-iranico espone la propria teoria sullo sviluppo della personalità individuale e sui relativ...
Platero ed io[Enciclopedia]
(Platero y yo), racconto del poeta spagnolo Juan Ramón Jiménez. Pubblicato nel 1914 e in versione definitiva nel 1917, divenne subito un classico della prosa spagnola del Novecento. È la storia di un ...
bibliatrìa[Enciclopedia]
sf. [bibl(io)-+-iatria]. Arte del restauro dei libri.
infrascritto[Enciclopedia]
agg. [sec. XIII; dal latino tardo infrascriptus]. Scritto sotto; citato subito dopo; seguente: siano chiamati gli infrascritti testimoni. Raro: io infrascritto, io sottoscritto.
Platero y yo[Enciclopedia]
titolo originale del racconto Platero ed io del poeta J. R. Jiménez.
ego[Enciclopedia]
pron. pers. latino (io). In psicanalisi, forma talora usata per Io.
ego-¹[Enciclopedia]
[dal latino ego, io]. Primo elemento di parole composte in cui significa “sé”, “se stesso”: egoismo, egocentrismo e simili.
chiòccio[Enciclopedia]
agg. (pl. f. -ce) [sec. XIV; da chiocciare]. Rauco, aspro, stridulo: voce chioccia; “S'io avessi le rime aspre e chioccie” (Dante).
egotismo[Enciclopedia]
sm. [sec. XIX; dall'inglese egotism]. Stima eccessiva di sé; atteggiamento intellettualistico caratterizzato da un gusto eccessivo dell'introspezione, da un'eccessiva analisi dell'Io.
egologìa[Enciclopedia]
sf. [ego-1+-logia]. Nella filosofia di E. Husserl, la conoscenza della regione dell'Io, ottenuta mediante l'epochè egologica, cioè facendo astrazione da ogni fenomeno relativo agli altri Io.
comecché[Enciclopedia]
(o comeché o come che), cong. antico. e lett. [sec. XIII; da come+che].
còto (lessico)[Enciclopedia]
sm. ant. [sec. XIII; da coitare, variante ant. di cogitare]. Pensiero; giudizio; proposito: “Non ti maravigliar perch'io sorrida” / mi disse “appresso il tuo pueril coto” (Dante).
emènda[Enciclopedia]
sf. [sec. XIV; da emendare]. L'emendare e l'emendarsi; correzione, pentimento: “Io vo' l'emenda lor, non la lor morte” (Forteguerri). In particolare, riparazione di una colpa: “Pubblica emenda farti / noi promettiamo” (Pindemonte).

Media correlati

Astronomia.Alfred Hitchcock.