Questo sito contribuisce alla audience di

Risultati di ricerca

Cerca nell'enciclopedia

Hai trovato 12 risultati per "facondo"

facóndo[Enciclopedia]
agg. [sec. XIV; dal latino facundus]. Che ha facilità nel parlare; eloquente.
Oasita facóndo[Enciclopedia]
racconto egizio del Medio Regno, che risale probabilmente ca. al 2000 a. C. Esso costituisce un notevole saggio di narrativa e di retorica, tra i documenti fondamentali della lingua egiziana classica....
Facóndo di Ermiana[Enciclopedia]
vescovo (sec. VI). Nei 12 libri del suo Pro defensione Trium Capitulorum Concilii Chalcedonensis prese posizione contro gli origenisti e gli eutichiani; dopo la condanna dei Tre Capitoli la sua posizi...
infacóndo[Enciclopedia]
agg. lett. [sec. XVI; dal latino infacundus]. Non facondo; poco eloquente.
disèrto[Enciclopedia]
agg. ant. e lett. [sec. XIV; dal latino disertus]. Eloquente, facondo.
copióso[Enciclopedia]
agg. lett. [sec. XIII; dal latino copiōsus, da copía].
parlante[Enciclopedia]
agg. [sec. XIV; ppr. di parlare].
Billaud-Varenne, Jacques Nicolas[Enciclopedia]
rivoluzionario francese (La Rochelle 1756-Port-au-Prince 1819). Vicepresidente del club dei giacobini, si pronunciò fin dal 1791 in favore della repubblica; fece parte della Comune rivoluzionaria del 10 agosto 1792 e fu eletto alla Convenzione dove si schierò contro i girondini. Oratore facondo e impulsivo, fu tra i capi della Montagna, fece parte del Comitato di Salute Pubblica (6 settembre 1793) e fu fedele alla linea di Robespierre. Allontanatosi poi da quest'ultimo, fu tra i suoi accusatori il 9 termidoro; vittima della reazione termidoriana venne poi arrestato e deportato in Guayana...
Antònio di Pàdova[Enciclopedia]
Santo, dottore della Chiesa, francescano portoghese (Lisbona 1195-Padova 1231). Ordinato prete a Coimbra, nel 1220 entrò nell'ordine francescano e mutò il nome originario, Fernando de Bouillon, in que...
Peón y Contreras, José[Enciclopedia]
poeta e autore teatrale messicano (Mérida, Yucatán, 1843-Messico 1907). Versificatore facile e facondo, come lo spagnolo Zorrilla che fu il suo maestro ideale, scrisse composizioni liriche (Poesías, 1868) e narrative (Romances históricos mexicanos, 1871; Romances dramáticos, Trovas colombinas), nonché – fra il 1876 e il 1880 – una dozzina di commedie di costume e drammi storici di taglio e linguaggio romantici, fra cui: La hija del rey (1876), Soledad (1892), En el umbral de la dicha (1895). Mediocri sono, infine, in due romanzi Taide (1885) e Veleidosa (1891).
Barbieri, Vicente[Enciclopedia]
poeta argentino (Buenos Aires 1903-1956). Passò dal simbolismo della sua prima poesia al surrealismo; negli ultimi anni non fu estraneo all'influenza di P. Neruda. Tra le sue raccolte poetiche: Fábula del corazón (1939), La columna y el viento (1942), El bailarín (1953; Il ballerino). Scrisse anche un romanzo autobiografico, Desenlace de Endimión (1951; Finale di Endimione), e un'opera teatrale, Facundo en la ciudadela (Facondo nella cittadella). Nel 1962 la sua produzione lirica è stata raccolta in Obra poética.
Ramessèo o Ramesseum[Enciclopedia]
tempio funerario costruito da Ramesse II sulla riva occidentale del Nilo a Tebe. Consiste di una grande cinta entro la quale si trova un tempio grandioso costituito da un primo pilone, con rilievi cel...

Media correlati

Per il termine ricercato non esistono media correlati