Questo sito contribuisce alla audience di

Perché il cane è il migliore amico dell'uomo?

Il nome scientifico del cane dice tutto: Canis Lupus Familaris.
Il cane dunque è un lupo… domestico. La convivenza degli uomini con questo animale dura da oltre 15.000 anni, ma perché il cane è il migliore amico dell’uomo?
Forse i primi cani avvicinarono gli uomini per nutrirsi dei loro rifiuti,
oppure un cucciolo di lupo fu adottato da un uomo. Di certo gli umani impararono presto a selezionare quegli esemplari che presentavano delle caratteristiche potenzialmente utili,prima tra tutte quella di saper “fare la guardia”.

Ancora oggi, secondo una ricerca svolta nel Regno Unito pare che per difendersi dai ladri sia più efficace un cane che abbaia di un sistema di allarme.
I cani da guardia più famosi sono i Dobermann: si sono diffusi in Germania alla fine dell’Ottocento grazie a Louis Dobermann, un esattore delle tasse che voleva un animale intimidatorio che lo proteggesse durante le sue visite.

Laddove invece non ci fosse la necessità di avere un guardiano sono stati selezionati cani con altre caratteristiche.

Nei deserti della Giordania per esempio, dove le temperature superano i 48 gradi, per 6.000 anni, i beduini hanno allevato solo i cani più veloci dando vita alla razza Saluki.
Il Saluki è “aerodinamico”, le sue ossa sono leggere e la spina dorsale è flessibile come quella del ghepardo; il cuore è molto grande per portare velocemente il sangue ai muscoli.
Quando il Saluki punta la preda, questa non gli sfuggirà.

Dall’altra parte del mondo, tra i ghiacci dell’Artico, i cani da slitta hanno caratteristiche molto diverse: sono di piccola taglia, per sopravvivere con poco cibo, ma abbastanza grandi per trainare carichi pesanti; la loro colonna vertebrale è rigida e permette loro di trasferire a terra tutta la forza delle zampe.

In tutto il mondo l’uomo ha dato vita a centinaia di razze canine selezionando le caratteristiche che gli erano più utili. Tra queste, quella che ha saputo valorizzare maggiormente, è il fiuto.
Ancora oggi in Papua Nuova Guinea, gli Akapangi si affidano ai cani per cacciare nella foresta. Credono che abbiano poteri sovrannaturali che gli permettono di rintracciare le prede. Sono loro arma segreta per sopravvivere.

Il cane coni il fiuto più sviluppato è il Bloodhound che è in grado di fiutare tracce vecchie di due settimane. Gli esemplari di questa specie vengono spesso impiegati come cani-poliziotto per rilevare bombe, denaro contraffatto e droghe.
Ma l’utilizzo più sorprendente dell’olfatto canino è in campo medico. Da diversi anni, in diversi ospedali, i cani vengono addestrati per riconoscere l’odore di alcuni tumori, come quello alla vescica.
La diagnosi è rapida, precisa e per nulla invasiva.

Foto © mekcar - Fotolia.com

Chiedi a Sapere.it!

Ultime domande lette

loading