Questo sito contribuisce alla audience di

L'arte del '800

Il divisionismo

Il divisionismo (in francese pointillisme, puntinismo) è un movimento pittorico nato in Francia attorno al 1884 col nome di neoimpressionismo. Esso sviluppò su basi scientifiche e sistematiche gli interessi per i processi ottico-visuali già empiricamente perseguiti dall'impressionismo e connessi all'invenzione della fotografia.

I divisionisti elaborarono una pittura basata sull'uso di colori puri ("divisi") e complementari, mai mescolati fra loro, ma giustapposti in pennellate minute, talora puntiformi, in modo da affidare all'occhio dello spettatore il compito di fonderne le radiazioni luminose, producendo nell'immagine effetti di grande luminosità e brillantezza cromatica. L'elaborazione teorica però annulla l'immediatezza della sensazione visiva; in tal modo, pur rimanendo aderente al plein air degli impressionisti, la tematica divisionista si concreta in immagini innaturali e fuori del tempo.

Teorico del divisionismo fu Paul Signac, il massimo esponente Georges Seurat; fra gli altri seguaci: Charles Angrand (1854-1926), Maximilien Luce (1858-1941), Albert Dubois-Pillet (1845-90). Dalla Francia il movimento si diffuse in altri paesi europei e anche in Italia.

 

Georges-Pierre Seurat

Georges-Pierre Seurat (Parigi 1859-1891) si esercitò a lungo nel disegno, acquistando così uno stile grafico maturo; contemporaneamente si interessò alla pittura. Attento agli studi ottici sul colore e sui fenomeni della visione rilanciati dal positivismo, l'artista si propose di riformare il movimento impressionista sulla base di un metodo scientifico che ne stabilisse con rigore i principi. Nel 1884 espose al primo Salon des Indépendants Bagno ad Asnières (1884, Londra, National Gallery), vasta composizione che valse all'artista l'amicizia di P. Signac, insieme al quale perfezionò la tecnica del pointillisme. Il primo importante risultato su questa linea di ricerca fu il celebre dipinto Una domenica pomeriggio all'isola della Grande Jatte, noto come La Grande Jatte (1884-86, Chicago, Art Institute), che si affermò come il manifesto del pointillisme. Opere successive, quali Le modelle (1886-88, Merion, Barnes Foundation) e La parata (1888, New York, Metropolitan Museum), rivelano un accostamento al simbolismo e alle teorie sul significato simbolico della direzione delle linee e dei loro effetti psicologici.

 

Paul Signac

Paul Signac (Parigi 1863-1935) maturò la sua formazione nell'ambito dell'impressionismo. Volse poi i suoi interessi alle discipline dell'ottica per tradurre scientificamente la natura della percezione e la resa dei colori, condividendo così le teorie e il metodo di pittura (pointillisme) elaborato dall'amico Seurat per una visione esatta, fondata sulla divisione dei toni. Fu il teorico del divisionismo. Negli acquerelli si ritrovano le qualità più genuine della sua arte, proprio per l'immediatezza dell'impressione con cui egli sa cogliere alcuni paesaggi di mare: Il porto di St-Tropez (1894, St-Tropez, Musée de l'Annonciade); L'entrata del porto di Marsiglia (1911, Parigi, Musée National d'Art Moderne).

 

Riepilogando

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia