Questo sito contribuisce alla audience di

Organizzazione e funzioni degli organismi

Il trasporto dei materiali nutritivi e di scarto negli animali

Gli animali hanno sviluppato evolutivamente diversi sistemi di trasporto delle sostanze nutritive e dei prodotti di scarto, che raggiungono la massima complessità nei vertebrati.

Un sistema di trasporto deve svolgere le seguenti funzioni:

    veicolare l'ossigeno; rifornire le cellule dei prodotti della digestione; allontanare dalle cellule i prodotti di rifiuto, tra cui il diossido di carbonio; trasportare gli ormoni.

Nei vertebrati il sistema di trasporto ha anche la funzione di difendere l'organismo da batteri e virus e di regolare la temperatura corporea.

Gli animali pluricellulari meno evoluti (poriferi, cnidari, platelminti) non possiedono un vero e proprio sistema di trasporto. Essi assorbono direttamente dall'ambiente esterno le sostanze nutritive e muovono, per mezzo di contrazioni muscolari, l'acqua contenuta nella cavità corporea. In questo modo portano le sostanze nutritive a una distanza utile perché possano passare per diffusione nelle singole cellule.

  • Caratteristiche generali dell'apparato circolatorio

    Negli animali di maggiori dimensioni e complessità le singole cellule sono troppo distanti dall'ambiente esterno e il processo di trasporto per diffusione non è più efficiente in quanto è lento ed è adatto solo su distanze molto ridotte.

    In questi organismi il trasporto di sostanze avviene all'interno di un sistema di canali che non sono a contatto con l'ambiente esterno e nei quali è contenuto un fluido costituito da tessuto specializzato (emolinfa, sangue). Questo sistema di canali di trasporto prende il nome di apparato circolatorio.

    Gli apparati circolatori si compongono delle seguenti parti:

      un mezzo fluido che trasporta le sostanze in esso disciolte; una rete di canali, o vasi, che trasportano il fluido in tutto il corpo; una pompa, chiamata cuore, che imprime al fluido la pressione necessaria per tenerlo sempre in movimento.

    Possono essere presenti anche valvole che costringono il fluido a scorrere in una sola direzione.

    Per aumentare la capacità di legarsi all'ossigeno, il fluido possiede dei pigmenti respiratori, costituiti da una parte proteica e da un gruppo contenente atomi metallici. Pigmenti respiratori sono per esempio le emocianine, nelle quali si trova il rame, e le emoglobine, che contengono il ferro. Le emocianine si trovano nei molluschi; le emoglobine si trovano in tutti i vertebrati e in molti invertebrati.

    A seconda che il fluido fluisca e refluisca dai vasi alla cavità del corpo, oppure rimanga sempre confinato nel cuore e nei vasi, si parla di un apparato circolatorio aperto e di un apparato circolatorio chiuso.

    Negli animali con apparato circolatorio aperto esistono ampie cavità tra i tessuti, chiamate lacune, nelle quali i vasi riversano il fluido, che prende il nome di emolinfa. Le cellule dei vari tessuti sono perciò a diretto contatto con l'emolinfa. Le sostanze nutritive, l'ossigeno e gli scarti metabolici sono scambiati per diffusione attraverso la membrana plasmatica. Questo tipo di apparato respiratorio, poco efficiente perché l'emolinfa fluisce lentamente (non essendo sempre sotto pressione), è presente in animali di piccole dimensioni e con poche richieste energetiche, come la maggior parte dei molluschi e gli artropodi.

    Nell'apparato circolatorio chiuso i vasi e il cuore formano una rete ininterrotta dalla quale il fluido, chiamato sangue, non esce. Il sangue scorre così con una pressione elevata e può essere indirizzato efficacemente alle regioni del corpo che ne hanno maggior bisogno. Questo tipo di apparato circolatorio è caratteristico dei molluschi cefalopodi, degli anellidi e dei vertebrati.

  • Divertiti con i quiz di Sapere.it!

    Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

    Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

    Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

    Enciclopedia De Agostini

    Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

    Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

    Vai all'Enciclopedia