Questo sito contribuisce alla audience di

Diritto civile

Uso e abitazione

(cc 1021) L'uso comporta per il suo titolare (usuario) la facoltà di usare e godere della cosa in modo diretto per il soddisfacimento di un proprio bisogno attuale e personale. Se il bene in uso è cosa fruttifera l'usuario può, a differenza dell'usufruttuario, raccogliere solo i frutti utili al consumo materiale diretto nei limiti dei bisogni personali e della propria famiglia, valutati secondo la sua condizione sociale cc 1023. Se il diritto d'uso ha per oggetto un fondo le spese di coltura nonché le riparazioni ordinarie sono a carico dell'usuario cc 1025. L'abitazione è il diritto reale di abitare una casa di proprietà altrui cc 1022. Tale diritto si estende, salvo patto contrario, anche agli accessori quali, ad es., il giardino, il garage, la cantina. Spetta cc 1023 al titolare e ai suoi familiari, ai genitori, ai fratelli e anche alle persone di servizio. Il titolare del diritto è tenuto al pagamento delle riparazioni ordinarie e non può né vendere né affittare ad altri la casa avuta in abitazione. In caso di decesso del coniuge cc 540, al coniuge superstite spetta il diritto di abitazione della casa che era destinata a residenza familiare, anche se vi siano altri soggetti che ereditano i beni del defunto.

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia