Questo sito contribuisce alla audience di

Diritto commerciale

L'apertura di credito bancario

cc 1842 s. È un contratto consensuale con il quale la banca si obbliga a tenere a disposizione del cliente una somma di denaro che questi ha la possibilità di utilizzare mediante più operazioni, come prelevamenti, richieste di accettazione, avallo o fideiussione. Esistono due tipi di apertura di credito: per cassa e per firma. Entrambi possono essere garantiti da pegno o ipoteca, o non garantiti (in bianco).

 

1. Apertura di credito per cassa. La banca mette a disposizione del cliente:

­- una somma che egli può utilizzare una sola volta (apertura semplice); ad es., il cliente riceve € 1.000 dalla banca, può utilizzarli, prelevandoli anche a più riprese, ma non può mai versare denaro, quindi non può ricostituire il suo credito;

­-oppure una somma che egli può prelevare e ripristinare con successivi versamenti, quindi riutilizzando il credito più volte (apertura in conto corrente).

 

2. Apertura di credito per firma. Nell'apertura di credito per firma, la banca si impegna a concedere la propria firma per accettazione di tratte, per avalli o per fideiussioni.

 

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia