Questo sito contribuisce alla audience di

Macroeconomia

La disoccupazione

Come abbiamo visto, la grave conseguenza socioeconomica del mancato raggiungimento della piena occupazione in un sistema economico è la disoccupazione. Questa si può definire la condizione di chi offre la propria attività lavorativa in cambio di un salario o stipendio e tuttavia non trova alcun impiego per un periodo di tempo prolungato.

Di fatto, come suggerisce le tabelle 1 e 2, nelle economie capitaliste, la piena occupazione rappresenta l'eccezione, non la regola.

Nel dato complessivo si confondono però fenomeni diversi per natura e per conseguenze. Gli economisti distinguono di solito quattro tipi di disoccupazione:

  1. Disoccupazione frizionale: corrisponde al tempo necessario perché datore di lavoro potenziale e persona in cerca di lavoro si incontrino. Dipende dalla diffusione dell'informazione e dal grado di efficienza dei servizi di collocamento.
  2. Disoccupazione strutturale: deriva dalla mancata coincidenza tra la qualità del lavoro domandato e di quello offerto. Gli interventi correttivi consistono nella modificazione qualitativa dell'offerta di lavoro attraverso corsi di riqualificazione professionale.
  3. Disoccupazione tecnologica: deriva dall'introduzione di tecniche risparmiatrici di lavoro. In generale è riassorbita dall'aumento degli investimenti, attratti dalla nuova tecnologia.
  4. Disoccupazione ciclica: è quella causata dall'entrata del sistema economico in una fase di recessione. Su di essa si può operare, come vedremo, con politiche di stabilizzazione.

Poiché le prime due forme di disoccupazione sono di natura microeconomica e la terza non ha carattere permanente, generalmente si considera raggiunta la piena occupazione quando la disoccupazione ciclica è pari a zero.

Tabella 1

Economia e scienze della finanza
Tabella 1 Tassi di disoccupazione nei principali paesi avanzati (1983-2000)
PAESE 1983 19901993 2000
USA 9,6 5,6 6,9 4,0
Giappone 2,7 2,1 2,5 4,7
Francia 8,1 9,0 11,7 12,1
Germania 7,7 4,8 7,9 8,1
Italia 7,7 9,1 10,3 10,5
Gran Bretagna 11,1 7,1 10,5 5,5
Fonte: OECD, Employment Outlook, vari anni

Tabella 2

Economia e scienze della finanza
Tabella 2 Tassi di attività nei principali paesi avanzati (1990-2000)
PAESE 1990 1996 2000
USA 76,5 77,1 77,2
Giappone 70,5 72,0 72,5
Francia 66,0 67,4 68,0
Germania 68,4 70,7 72,2
Italia 59,8 57,7 59,9
Gran Bretagna 77,8 76,1 77,6
Fonte: OECD, Employment Outlook, vari anni

Approfondimenti

Riepilogando

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia