Questo sito contribuisce alla audience di

La filosofia contemporanea

Nicolai Hartmann

Il filosofo tedesco Nicolai Hartmann (Riga 1882 - Gottinga 1950), di formazione fenomenologica, rilancia la necessità di un'ontologia. Nei Fondamenti di una metafisica della conoscenza (1921) sostiene che la filosofia non può prescindere da "una descrizione fedele dei fenomeni", deve svelare le contraddizioni interne del reale (funzione chiamata "aporetica": da aporia, che in filosofia designa una scelta tra due argomenti parimenti possibili) e risolvere queste aporie (funzione chiamata "teoria"). Pertanto in filosofia la gnoseologia (l'indagine sulla conoscenza) svolge un compito determinante: la conoscenza si configura come "relazione trascendente" tra soggetto e oggetto, per cui l'oggetto esiste indipendentemente dal soggetto e non è mai del tutto conoscibile.

L'ontologia critica

Da una tale forma di conoscenza Hartmann nelle opere successive (La fondazione dell'ontologia, 1935; Il problema dell'essere spirituale, 1933; Possibilità e attualità, 1938) fa derivare la sua "ontologia critica", in cui la sfera del pensiero va distinta da quella dell'essere reale e dell'essere ideale. La realtà o il mondo (La costruzione del mondo reale, 1940) risulta stratificata in una serie di piani (fisico, organico, psichico, spirituale) tra loro autonomi e dotati di categorie e principi specifici. In definitiva l'ontologia deve giustificare l'oggettività degli enti esterni alla coscienza, cogliendo il loro fondamento nell'essere, descrivendolo nelle sue diverse sfere. Sempre a proposito dell'ontologia, Hartmann stabilisce (Possibilità e realtà, 1938) che la realtà è possibile e necessaria nella misura in cui è "effettuale": il modo fondamentale dell'essere è l'effettualità, ossia una assoluta e necessaria capacità di determinare il reale.

L'etica

La stessa posizione è rinvenibile anche in ambito morale. Poiché la realtà è necessaria per il fatto stesso di darsi in un modo determinato, la libertà di scelta risulta impossibile. Il mondo dei valori è dunque un insieme di entità ontologiche ideali e indipendenti dal soggetto, che ne diventa consapevole attraverso un sentimento immediato. Nella sua Etica (1926) afferma la necessità di fondare l'etica sullo spirito oggettivo (il diritto, la moralità, l'eticità) operante nella storia, di derivazione hegeliana.

Riepilogando

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia