Questo sito contribuisce alla audience di

La meccanica

Introduzione

Lo studio della cinematica, cioè di quella parte della meccanica che si occupa di descrivere il moto di un corpo indipendentemente dalle cause che l'hanno provocato, suddivide i movimenti in due grandi categorie: quelli la cui traiettoria è una retta, e che vengono detti moti rettilinei (trattati in questo capitolo), e quelli che si svolgono lungo traettorie curve, detti moti curvilinei (trattati nel capitolo successivo). Un corpo è in moto se, al variare del tempo, varia la sua posizione nello spazio rispetto a un sistema di riferimento; la grandezza che esprime la variazione della posizione nell'unità di tempo è detta velocità. La velocità è costante nel moto rettilineo uniforme, mentre varia nel moto rettilineo non uniforme. Le variazioni della velocità sono espresse da una grandezza detta accelerazione; un moto rettilineo in cui l'accelerazione è costante è detto moto uniformemente accelerato. Le leggi del moto stabilite dalla cinematica valgono nell'ambito della fisica classica, cioè quando si considerano velocità molto minori di quella di propagazione della luce (pari a circa 300.000.000 m/s); inoltre tali leggi si riferiscono al movimento di corpi cosiddetti puntiformi (le cui dimensioni geometriche sono cioè trascurabili).

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia