Questo sito contribuisce alla audience di

Il pianeta uomo e la tecnosfera

I diritti umani

Per diritti umani s'intendono tutti quei diritti di cui in linea di principio è titolare ciascuna persona , come individuo, indipendentemente dall'ordinamento giuridico d'appartenenza e da qualsiasi fattore discriminante (cittadinanza, sesso, religione, condizione sociale ecc.). Essi vanno di là dai diritti del cittadino, in quanto sono universali; inoltre sono diritti indisponibili, non potendo la persona cederli o rinunciarvi.In sede internazionale, il riconoscimento di tali diritti si basa su tre documenti promossi dall'ONU: la Dichiarazione universale dei diritti umani (DUDU), del 1948, il Patto sui diritti civili e politici (col relativo Protocollo facoltativo, PDCP), e il Patto sui diritti economici, sociali e culturali (PDESC), ambedue questi ultimi aperti alla firma nel 1966 ed entrati in vigore nel 1976. Su scala regionale, documenti analoghi sono stati adottati Consiglio d'Europa, (Convenzione per la salvaguardia dei diritti umani, entrata in vigore nel 1953, e Carta sociale europea, entrata in vigore nel 1965), dall'OSA (Convenzioni interamericane sui diritti umani del 1969-78) e, anche se sulla base di principi parzialmente divergenti rispetto alla DUDU, dall'OUA (Carta africana dei diritti umani e dei popoli, 1981). Per comodità espositiva, solitamente i diritti umani vengono distinti in tre categorie o "generazioni" .

  •  I diritti di prima generazione: le libertà

La prima generazione riguarda i diritti civili e politici, tradizionalmente detti anche " libertà": possono essere libertà positive, ossia di fare qualcosa (per esempio le libertà di pensiero, coscienza, religione, associazione, riunione, movimento, stampa); o libertà negative, ossia d'essere esenti da qualcosa (non dover subire tortura, schiavitù, arresto arbitrario, discriminazione). I diritti di prima generazione sono quelli che più facilmente possono tradursi in forme di tutela giudiziaria, ma che hanno anche alle spalle una lunga e ricca tradizione d'impegno morale e civile.
Così per la libertà religiosa , nonostante il frazionamento del pianeta grandi aree confessionali (tab. 3.2.8) e il manifestarsi di forme d'integralismo, da tempo è stato avviato un dialogo interreligioso, all'insegna della tolleranza e della comprensione reciproca, promosso tanto dalla chiesa cattolica, quanto da quelle protestanti.
Importante è anche l'impegno di alcune organizzazioni non governative internazionali nella lotta contro la schiavitù, che interessa zone dell'Africa subsahariana e del Vicino e Medio Oriente (Anty Slavery International, sito Internet: www.antislavery.org), e contro la tortura, la pena di morte e altre violazioni delle libertà fondamentali: oltre ad Amnesty International, citata nella prima parte, occorre menzionare l'Osservatorio sui Diritti Umani (Human Rights Watch, sito Internet: www.hrw.org).

  • I diritti di seconda generazione: i diritti di eguaglianza

La seconda generazione di diritti umani riguarda i diritti economici, sociali e culturali. Tale categoria riguarda forme di eguaglianza sostanziale rimaste perlopiù allo stato di principi politici (per esempio, il diritto al lavoro, alla sicurezza sociale, alla tutela sindacale, alle cure mediche, all'educazione, o, più in generale, alla formazione) e che richiedono un intervento attivo dello Stato per la loro attuazione.

  • I diritti di terza generazione: i diritti dei popoli

I diritti di terza generazione, detti anche "emergenti", sono i diritti di solidarietà. Questi ultimi si differenziano da quelli delle due categorie precedenti sia perché hanno come soggetto attivo non individui, ma comunità, popoli, o addirittura l'intera umanità, sia perché sono difficilmente "azionabili" sul piano giuridico.Rientrano in questo gruppo il diritto alla pace, all' autodeterminazione, al godimento delle risorse della terra e dello spazio, a un ambiente sano ed equilibrato, allo sviluppo economico e sociale, all' aiuto umanitario in caso di disastri, ma anche i diritti di ben definite categorie sociali (donne, bambini, rifugiati) che richiedono particolari forme di tutela e che formano l'oggetto, come abbiamo visto, di specifiche convenzioni internazionaI diritti di terza generazione formano una categoria aperta e in rapida evoluzione, di cui indichiamo due ambiti di sviluppo.

Un primo ambito è quello delle popolazioni indigene (tab. 3.2.9), definite dalla Commissione per i diritti umani dell'ONU come quelle "comunità, popoli e nazioni... che, avendo una continuità storica con società precoloniali che si svilupparono sui loro territori, si considerano distinti dagli altri settori delle società che ora sono predominanti su quei territori, o su parte di essi".Le popolazioni indigene ammontano a circa 300 milioni di persone, pari al 5% della popolazione mondiale, ma rappresentano il 90% della diversità culturale del pianeta. La loro conservazione è tanto più importante quando si consideri che nelle previsioni dei linguisti, in conseguenza dell'appiattimento linguistico dovuto all'affermarsi delle cosiddette lingue imperiali (inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, russo, cinese), cioè di quelle lingue che vengono parlate ampiamente fuori dai confini della madrepatria. Dei 6.000 idiomi oggi esistenti, solo 600 sono destinati a sopravvivere.

Il problema, sostenuto in sede internazionale da diverse organizzazioni tra cui l'UNPO (citata nella prima sezione) e Survival International (con sede a Londra, sito Internet: www.survival-international.org), è stato recepito da alcuni Stati, tra i quali il Canada e l'Australia, che hanno varato apposite legislazioni, il primo per l'autonomia degli inuit (eschimesi), la secondo per la restituzione delle terre tribali agli aborigeni. Dal 1978 opera a Ginevra un gruppo di lavoro permanente, uno dei cui obbiettivi è quello di elaborare una Dichiarazione dei diritti dei popoli indigeni.Il secondo ambito di sviluppo dei diritti umani riguarda la giurisdizione universale in materia di crimini contro l'umanità, che dovrebbe essere attribuita al Tribunale Penale Permanente richiesto dalla conferenza diplomatica di Roma del 1998, sul modello dei tribunali a hoc già istituiti per l'ex Iugoslavia e il Ruanda.

 

Tab. 3.2.8: Le principali religioni (stime 2000)

Tabella Tabella 3.2.8 Le principali religioni (stime 2000)

 milioni di confessantipercentuale
Cristiani1.99432,0
Musulmani1.07917,8
Ind�80013,2
Buddhisti3646,0
Atei2734,5
Ebrei180,3
Altro1.53325,3
Totale mondiale6.061100,0

Tab. 3.2.9: Principali popoli in via di estinzione

Tabella Tabella 3.2.9 Principali popoli in via di estinzione

denominazionedove vivonoquanti sono
PigmeiAfrica equatoriale, tra Camerun, Gabon e il bacino del CongoTra il 1938 e il 1950 erano circa 100 000. Oggi "puri" sarebbero poche migliaia
BoscimaniDeserto del Kalahari (Botswana), Africa del Sud-Ovest e AngolaCirca 55 000
Eschimesi (Inuit)Alaska, Canada settentrionale, Groenlandia e Siberia orientalePoco pi� di 50 000
IndiosAmerica Centrale e MeridionaleI soli brasiliani erano circa 2 milioni all'arrivo dei bianchi e 500 000 alla fine dell'800. Oggi sono circa 100 000. In Venezuela sono 31 000; Guyana 32 000; Suriname 30 000; Guayana francese, varie migliaia; Ecuador 50 000; Per� 100 000; Bolivia 87 000; Paraguay 35 000; Argentina 25 000; Cile 100 000
FueginiTerra del FuocoPochi meticci e qualche individuo Yamana
TodaMonti Nilgiri del Tamizhagam (India meridionale)Erano 630 nel 1941; sono in leggero aumento
VeddaRegione orientale di CeylonPochi individui
Sakai o Senoi e altri gruppi veddidiMalaysia occidentale, India, A Indonesia occidentale e Filippinealcune migliaia
AndamanesiIsole Andamane (India)Piccolo numero imprecisato
Semangidi (S�mang o Mendi, Pangan, ecc.)Malaysia continentale e ThailandiaNel 1952 erano circa 2000; oggi sono presumibilmente meno
Pigmidi asiatici (Negritos) e melanesianiFilippine, arcipelago indonesiano, Nuova Guinea e MelanesiAlcune decine di migliaia
Aborigeni australianiAustraliaErano circa 300 000 nel 1788. Oggi sono 40 000; in aumento i "sanguemisti"
AinuIsola di Hokkaido (Giappone), isole e Sahalin meridionaleCirca 15 000; ma solo 300 Curili relativamente "puri"

Riepilogando

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia