Questo sito contribuisce alla audience di

Il pianeta uomo e la tecnosfera

Le migrazioni internazionali

Con l'espressione movimenti migratori, s'intende l'abbandono da parte di un singolo o di un gruppo del territorio d'origine per insediarsi in modo permanente o temporaneo in un altro territorio. Tali movimenti possono essere interni, avvenire, cioè, entro i confini di un dato paese (per esempio, l'emigrazione dal Sud al Nord Italia) o, internazionali, avvenire, cioè, da un paese a un altro paese (dall'Italia alla Germania o dalla Senegal all'Italia).Le migrazioni internazionali hanno raggiunto oggi dimensioni senza precedenti, a cui hanno contribuito, tra l'altro, lo sviluppo dei mass media e dei sistemi di trasporto.La maggior parte dei movimenti migratori, compresi quelli dei profughi, riguardano i paesi del Terzo Mondo, tanto in uscita, quanto in entrata, con l'aggravante che tali paesi dispongono di limitate risorse per far fronte a quest'evenienza.

A fine '900, secondo una stima delle Nazioni Unite, gli emigrati (persone cioè che vivevano in paesi diversi da quelli d'origine) erano oltre 120 milioni e i rifugiati riconosciuti dall'Alto Commissariato (ACNUR) in base alla Convenzione di Ginevra del 1951 erano 22 milioni.

  • Le migrazioni per lavoro e il problema dell'accoglienza

Per lo stesso periodo, l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) calcolava che le migrazioni per lavoro interessassero sui 16-20 milioni di persone in Africa, 6-9 milioni in Asia, 20 milioni in Europa (escluse ex URSS ed ex Iugoslavia), 15-17 milioni nel Nordamerica, 7-12 milioni nell'America centrale e meridionale e 6-7 milioni nell'Asia occidentale.
Di fronte all'entità del fenomeno, l'ONU ha aperto alla firma fin 1990 una Convenzione internazionale sulla protezione dei diritti di tutti i lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie.
Le cause delle migrazioni internazionali sono molteplici. Nel rapporto finale della citata Conferenza del Cairo sulla popolazione del 1994, l'ONU individua i seguenti "fattori d'espulsione" (push factors), che costringono, cioè, le persone a migrare: "squilibri economici internazionali, povertà e degrado ambientale insieme all'assenza di pace e sicurezza, violazioni di diritti umani e livelli diversi dello sviluppo di istituzioni giudiziarie e democratiche".

Rientrano invece tra i "fattori d'attrazione" (pull factors) tutti quegli elementi economici, sociali e culturali che concorrono a fare prevedere delle opportunità maggiori e/o una qualità della vita migliore per sé da parte di chi emigra. Nei paesi avanzati un decisivo fattore d'attrazione è il bisogno di manodopera, anche se spesso questo comporta che gli immigrati debbano svolgere lavori pesanti, mal retribuiti e con minor protezione sociale, rischiando, in periodi di difficoltà economiche, di essere i primi lavoratori a venir espulsi dal processo produttivo.
Le migrazioni internazionali rappresentano spesso una risorsa tanto per i paesi di destinazione ( forza lavoro flessibile), quanto per quelli d'origine (rimesse degli emigranti). Esse comportano, tuttavia, anche complessi problemi d'integrazione sociale da parte sia degli immigrati, sia dei paesi ospiti (difficoltà d'adattamento culturale, fenomeni di rigetto accompagnati da manifestazioni xenofobe o razziste), che inducono questi ultimi a limitare l'ingresso di stranieri mediante severe misure amministrative. Ciò determina, a propria volta, flussi di immigrati illegali, arginati soltanto con un aumento dei controlli di polizia e un inasprimento della normativa in materia d'immigrazione.

In una prospettiva globale, non c'è dubbio che il problema potrà essere avviato a soluzione soltanto sul lungo periodo, da un lato riducendo progressivamente i "fattori d'espulsione", elencati sopra, nei paesi d'emigrazione; dall'altro, facilitando l'inserimento sociale degli immigrati nei paesi di destinazione con politiche ispirate ai principi dell' accoglienza e della multiculturalità. Intanto, per la teoria dei vasi comunicanti suggerita dal demografo francese Alfred Sauvy, l'accumulo di popolazione nei paesi più poveri non può che continuare a riversarsi all'esterno, sottoponendo a incessanti pressioni migratorie le aree cerniera tra Terzo Mondo e paesi industrializzati : il Centroamerica, il Sudest asiatico e il bacino del Mediterraneo.

 

Riepilogando

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia