Questo sito contribuisce alla audience di

Il Jazz

In sintesi

Le origini del BebopLa genesi del bop può essere vista in luoghi distinti e collegati: sia nelle registrazioni effettuate nel 1941 al Minton's, in cui Charlie Christian, Thelonious Monk e Kenny Clarke collaborarono, sia in seno all'orchestra di Earl Hines (con Parker e Gillespie), due anni dopo, e soprattutto in quella di Billy Eckstine, dal 1944 al 1946. Il bebop nacque dunque a New York nel 1941-44, nel corso di jam sessions notturne tra giovani solisti neri di idee innovative: C. Christian (che morì prima della sua affermazione), D. Gillespie, C. Parker, B. Powell, T. Monk, K. Clarke.
Le caratteristicheStile di notevole difficoltà esecutiva, basato su ritmi intricati, armonie ardite, melodie tortuose e poco orecchiabili, si connotò subito come una musica ribelle e protestataria, intesa da pochi iniziati. Da un punto di vista tecnico, il primo comandamento bop esigeva l'oscuramento del beat, cioè di quella continua pulsazione ritmica che impartiva il tempo ai ballerini. Com'era immaginabile, nei primi tempi l'idea rimase relegata in jam sessions mattutine e club per pochi intimi: furono questi locali a rendere possibile il lento coagularsi di un nuovo culto, il cui idolo supremo fu Charlie Parker.
C. ParkerAlla fine del 1942 C. Parker e D. Gillespie furono assunti nell'orchestra del pianista Earl Hines, ma la formazione, in cui convivevano musicisti swing e moderni, non sopravvisse a tale ambivalenza di stile e si sciolse in poco tempo. Alla fine del 1944 il trombettista D. Gillespie si unì a Parker e i due per diversi mesi sciorinarono la nuova musica di fronte a un pubblico di appassionati. Nel 1945 Parker incise in quintetto per la casa discografica Savoy quello che può essere ritenuto il manifesto del bebop: si tratta del capolavoro intitolato Ko Ko, nel quale Parker produce una proliferazione di elementi inventivi, con un conseguente allargamento dell'orizzonte estetico. Preda del disordine personale, schiavo dell'alcol per la difficoltà di reperire droga, Parker ebbe una crisi di follia, dalla quale si riprese dopo il ricovero in un ospedale psichiatrico; nel 1947-48 diresse un quintetto comprendente M. Davis e attraversò la sua stagione più serena e feconda (creò brani come Out of Nowhere, Parker's Mood).
GillespieDizzy Gillespie, trombettista di primissimo piano, mosso dai principi della proibizione assoluta del vibrato e del primato dell'immaginazione, musicista dallo stile di suprema arditezza tecnica, pieno di esplosioni squillanti.
MonkThelenious Monk, pianista antivirtuoso e compositore di estrema complessità, sia armonica, sia ritmica, improvvisatore ricco di ardite dissonanze.
PowellBud Powell, ideatore del pianoforte bebop: lievi, sincopati accordi di punteggiatura armonica e ritmica alla mano sinistra e lavoro solistico con lunghe, tortuose frasi "da sax" alla destra, sviluppate senza sovrapposizione di note.
ClarkeKenny Clarke, sperimentatore per la batteria jazz di nuove sonorità e nuove tecniche di scansione del ritmo di base.
NavarroFats Navarro, eccelso virtuoso della tromba dal fraseggio articolatissimo, ma morbido e sereno.
SarahVaughan Sarah Vaughan, la più grande cantante jazz del dopoguerra e maestra di arditissima tecnica bop.

Riepilogando

  • In sintesi

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia