Questo sito contribuisce alla audience di

L'età del classicismo e Mozart

Introduzione

Gli anni dal 1750 al 1775 rappresentarono un periodo di transizione dal barocco al classicismo, in cui le premesse di chiarezza e di facile cantabilità, caratteristiche del rococò e risultanti da una semplificazione del linguaggio barocco, ricercarono esiti di un più profondo impegno, in vista di una più complessa organicità costruttiva. Mentre armonia e modulazioni furono sviluppate a un grado di ricchezza e complessità sconosciuto al rococò, il contrappunto tornò a essere una componente rilevante del discorso musicale. A questa evoluzione linguistica corrisposero una diversa e più autonoma posizione del compositore, un nuovo rapporto con il pubblico, una concezione del fatto musicale non rivolta solo al dilettevole.

Il culmine del classicismo è rappresentato, a diverso titolo, dall'opera dei tre grandi autori che formarono la scuola di Vienna, e cioè Franz Joseph Haydn, Wolfgang Amadeus Mozart e Ludwig van Beethoven: in questo capitolo si affronterà unicamente Haydn. Ancora a Vienna aveva operato Christopher Willibald Gluck , autore di una decisiva riforma del melodramma e considerato il primo esponente del classicismo in campo operistico.

Riepilogando

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia