Questo sito contribuisce alla audience di

La "nuova musica" dell'avanguardia

Luigi Nono: dall'impegno civile alla "tragedia dell'ascolto"

Luigi Nono (Venezia 1924-1990) studiò con G.F. Malipiero, B. Maderna e H. Scherchen e tenne seminari ai corsi di Darmstadt fino al 1958. Partecipe del rinnovamento del linguaggio delle avanguardie degli anni Cinquanta, si mosse costantemente nella direzione di una musica che fosse veicolo di un esplicito impegno civile e morale di ispirazione marxista. La musica di Nono si caratterizza essenzialmente per zone di violento scatenamento della materia sonora e per abbandoni a un assorto, terso lirismo. Fra le sue opere si ricordano: Epitaffio per García Lorca per 2 voci, coro e strumenti (1952); Il canto sospeso da lettere dei condannati a morte della Resistenza per soli, coro misto e orchestra (1956); Cori di Didone su testi di G. Ungaretti per coro e percussioni (1958); l'opera Intolleranza 1960 (1961); Canti di vita e d'amore. Sul ponte di Hiroshima per soli, coro e orchestra (1962); Al gran sole carico d'amore, azione scenica (1972-74); Fragmente - Stille, an Diotima, per quartetto d'archi (1979-80); Quando stanno morendo. Diario polacco n. 2 (1982); Risonanze erranti (1986); "Hay que caminar" soñando, per due violini (1989).

Spinto verso la sperimentazione tecnica, Nono compose opere per nastro magnetico ­ Omaggio a Emilio Vedova, 1960; La fabbrica illuminata, 1964; Per Bastiana - Tay-Yang-Cheng (L'Oriente è rosso), 1967; Contrappunto dialettico della mente, 1967-68; ... Sofferte onde serene..., 1974-76; La lontananza nostalgica utopica futura, 1988 ­ e per strumenti elettronici (Con Luigi Dallapiccola, 1979; Caminantes... Ayacucho, 1986-87; Post-praeludium per Donau, 1987).

Il più impegnativo fra i suoi ultimi lavori è stata l'opera Prometeo, tragedia dell'ascolto su testo a cura di M. Cacciari (1984): con questa pagina Nono completò il suo allontanamento dalla concezione della musica come impegno sociale; ma le tensioni umane ed esistenziali trovarono nuova dimensione in una poetica dell'ascolto interiore, reso musicalmente da un ordito di sottilissime filigrane sonore distribuite spazialmente in un silenzio fitto di un'infinita varietà di timbri, altezze, dinamiche, durate.

Riepilogando

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia