Questo sito contribuisce alla audience di

La tettonica

La registrazione dei terremoti

Le vibrazioni del suolo dovute alle onde sismiche, la loro ampiezza e la loro durata possono essere registrate da strumenti chiamati sismografi, che traducono il complesso movimento oscillatorio del suolo durante un terremoto in una registrazione grafica detta sismogramma.

I sismografi

Un sismografo è composto da una struttura solidale con il suolo, in grado quindi di vibrare insieme a esso, e da una massa pesante, sospesa tramite un pendolo o con una molla, che rimane invece inerte (non risente, cioè, delle vibrazioni): questa massa è munita di un pennino scrivente, a contatto con un rullo di carta millimetrata, montato su un tamburo rotante, a sua volta collegato alla struttura solidale con il suolo. Se il suolo vibra, la massa rimane ferma per inerzia e il pennino lascia sulla carta millimetrata una traccia, il simosgramma, che registra le vibrazioni e quindi le onde sismiche. Una stazione sismologica è generalmente dotata di tre sismografi, uno verticale e due orizzontali, ciascuno dei quali registra le oscillazioni del suolo in una delle tre direzioni fondamentali dello spazio (fig. 15.3).

Sulla superficie terrestre sono distribuite, in base a opportuni criteri, diverse stazioni sismiche, che nel loro insieme costituiscono una rete sismica che permette di "monitorare" tutta la superficie terrestre: il confronto dei dati ottenuti dalle diverse stazioni sismiche consente di localizzare rapidamente l'epicentro di un terremoto e di valutarne l'intensità.

La lettura di un sismogramma

Il tracciato di un sismogramma (fig. 15.4) permette di distinguere le diverse onde sismiche generate da un terremoto: l'operazione è facilitata se il sismografo è posto a una certa distanza dall'epicentro, poiché, propagandosi con velocità diverse, le onde sismiche giungono al sismografo in tempi diversi (risultando dunque più facilmente distinguibili).

Procedendo da sinistra verso destra nella lettura di un sismogramma, si notano prima lievissime oscillazioni dovute al continuo tremolio del suolo per cause diverse da un sisma (per esempio, il traffico, il frangersi delle onde sulle coste ecc.); poi si osservano oscillazioni più evidenti, che indicano l'arrivo delle onde P, seguite dalle onde S (segnalate da un improvviso cambiamento dell'ampiezza dell'oscillazione) e infine dalle onde L (che provocano oscillazioni di ampiezza maggiore delle precedenti).

Il confronto tra più sismogrammi che si riferiscono allo stesso sisma, registrati da stazioni sismiche diverse, consente di localizzare con precisione l'epicentro del terremoto: infatti, i diversi tipi di onde prodotte in un terremoto si propagano con velocità differenti: quanto più ci si allontana dall'epicentro, tanto maggiore è il ritardo fra il momento in cui iniziano ad arrivare le onde più veloci e quello in cui giungono le onde più lente; la conoscenza del ritardo con cui le onde S giungono al sismografo rispetto alle onde P, unita alla conoscenza della velocità di propagazione delle due onde, permette di calcolare la distanza della stazione sismica dall'epicentro del sisma.

Tab. 15.1: La scala Mercalli modificata

La scala Mercalli modificata
GRADO SCOSSA DESCRIZIONE
I strumentale avvertita solo dai sismografi
II leggerissima avvertita solo da persone particolarmente sensibili
III leggera avvertita da persone a riposo, soprattutto ai piani alti
IV mediocre avvertita anche camminando, oscillazione di oggetti appesi
V forte risveglio di persone addormentate, suono di campane, caduta di oggetti
VI molto forte lievi danni agli edifici, oscillano gli alberi
VII fortissima allarme generale, crepe nei muri, caduta di intonaci
VIII rovinosa caduta di camini, gravi danni agli edifici
IX distrastrosa crollo di alcuni edifici, rottura di condutture, crepe nel terreno
X disastrosissima crollo di molti edifici, rotaie piegate, grandi crepacci nel suolo, frane
XI catastrofica pochi edifici superstiti, ponti distrutti, tutti i servizi (ferrovie, condutture, cavi) fuori uso, grandi frane, inondazioni
XII grande catastrofe distruzione totale, oggetti scagliati in aria, sollevamenti e abbassamenti del suolo a onde

Media

Figura 15.3Figura 15.4

Approfondimenti

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia