Questo sito contribuisce alla audience di

Le rocce

La formazione del carbone fossile

I depositi di carbone attualmente presenti sulla Terra risalgono al periodo Carbonifero, che ebbe inizio circa 345 milioni di anni fa e fu caratterizzato da un clima caldo e umido, che favorì la crescita di sterminate foreste in ambienti paludosi. Per centinaia di migliaia di anni, i resti delle piante si andarono accumulando in strati imponenti, che via via furono seppelliti da sedimenti (sabbie e fanghi). I resti vegetali sepolti, al di fuori del contatto con l'ossigeno atmosferico e sottoposti all'azione combinata di alte pressioni, temperature elevate e batteri anaerobi (capaci di vivere in assenza di ossigeno), subirono una serie di modificazioni nella loro composizione chimica: progressivamente si ridusse la quantità di idrogeno, ossigeno e azoto presenti nella materia organica vegetale e, di pari passo, aumentò la quantità di carbonio. Come risultato di questo processo, detto carbonizzazione, la materia organica originaria fu alla fine trasformata in carbone.

In base al contenuto via via crescente in carbonio, che è anche indice della loro età, i carboni vengono distinti in torbe, ligniti, litantraci e antraciti.

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia