Questo sito contribuisce alla audience di

Mass media

In sintesi

Che cosa sono i mass mediaCon l'espressione "mezzi di comunicazione di massa" si fa riferimento a strumenti come il cinema, la stampa, la pubblicità, la radio, la televisione, capaci di veicolare l'informazione a una pluralità di individui dispersi su un vasto spazio e per lo più non in rapporto tra loro.
Origini e sviluppi dei mediaStoricamente il fenomeno si è affermato intorno agli anni '30 del '900 (in seguito all'impiego di giornali, radio e cinema utilizzati a fini di propaganda dai regimi fascista e nazista), si è esteso durante la seconda guerra mondiale, è esploso intorno alla metà del secolo con l'avvento della televisione.
Gli effetti della comunicazione di massaSecondo Larsen, gli effetti dei mezzi di comunicazione di massa sono: lo sviluppo di agenzie di manipolazione simbolica, l'ampliamento del pubblico destinatario della comunicazione, la diffusione culturale, lo svecchiamento del linguaggio, la capacità di accrescere o diminuire la fama degli individui, l'accentuazione dei caratteri personali e l'attenzione all'immagine, la modificazione di alcuni caratteri della famiglia, l'aumentata visibilità dei beni materiali.
Le teorie sui mediaL'ampio dibattito sui mass media è riconducibile a diversi filoni di ricerca.
La teoria criticaLa teoria critica (T.W. Adorno, M. Horkheimer, J. Habermas ecc.) si sofferma sulla portata ideologica e manipolatrice dell'opinione pubblica.
L'approccio culturaleL'approccio culturale (E. Morin) focalizza l'attenzione sul contenuto della comunicazione mass mediale (la cultura di massa) e sugli effetti prodotti nel pubblico.
La teoria dell'egemoniaLa teoria dell'egemonia (Althusser e Poulantzas) conduce un'analisi semiologica e strutturale della comunicazione mass mediale, al fine di smascherarne la portata ideologica.
La scuola struttural-funzionalistaLa scuola struttural-funzionalista (P.F. Lazarsfeld, B. Berelson, R.K. Merton ecc.) analizza la comunicazione mass mediale secondo molteplici direzioni: il tipo di ricezione che il pubblico ha del messaggio; la portata simbolica del messaggio; i caratteri tipici del mezzo; il ruolo esercitato dai rapporti microsociali nella percezione del messaggio mass mediale; la legittimazione sociale prodotta da questi mezzi; gli effetti in termini di consapevolezza critica prodotti nel pubblico.
Il monopolio dell'informazioneIl controllo dei mezzi di comunicazione di massa da parte di pochi, o talvolta un solo proprietario, è un fatto riscontrato già al primo affermarsi dei mass media. Le tendenze monopolistiche di questi canali di comunicazione si sono manifestate inizialmente nel settore della stampa, per poi estendersi alle emittenze radio e televisiva.
Pubblicità e propagandaL'affermazione della comunicazione mass mediale ha apportato notevoli mutamenti, sia all'interno della comunicazione commerciale, sia nel modo di far politica. In entrambi i casi si sono sviluppati dei processi di creazione dell'immagine del prodotto commerciale e del partito o del candidato politico in questione.

Riepilogando

  • In sintesi

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia