Questo sito contribuisce alla audience di

L'età contemporanea

La situazione italiana fino al 1921

Dopo il conflitto mondiale, per le ridotte ricompense territoriali ottenute, si diffuse in Italia il mito della “vittoria mutilata” che portò Gabriele d'Annunzio a occupare Fiume con un'azione spettacolare (12 sett. '19). Intanto, la situazione interna si complicava anche per la pesante crisi economica. La piccola e media borghesia, a causa della forte inflazione, vedeva polverizzarsi anni e anni di risparmi. I contadini (piccoli proprietari e braccianti) erano costretti a lavorare duramente per magre ricompense. La grande borghesia capitalistica si era rafforzata sul piano finanziario. Il proletariato industriale, organizzato nei sindacati, riuscì a strappare miglioramenti salariali. In campo politico, di fronte alla continua ascesa socialista (nonostante le tensioni tra i riformisti [v. cap. 15], i massimalisti, che propendevano per il programma massimo della rivoluzione, e i comunisti, proclamatisi partito nel '21), la Chiesa permise la fondazione di un partito cattolico democratico, il Partito Popolare Italiano (PPI), diretto da Don Luigi Sturzo (1919). Ad esso aderirono i piccoli proprietari contadini che auspicavano la ridistribuzione delle terre a favore della piccola e media proprietà. Il 23 mar. 1919, con la fondazione dei Fasci di combattimento a opera di Benito Mussolini (direttore de “Il popolo d'Italia”, quotidiano fondato nel 1914 dopo la sua espulsione dal PSI e il suo allontanamento dalla direzione del quotidiano socialista “Avanti!”) che incarnavano il malcontento delle schiere piccolo-borghesi, compariva un movimento destinato a diventare protagonista. Entrava in crisi il liberalismo: al governo Orlando, caduto nel giu. '19 a causa della “vittoria mutilata”, fece seguito un gabinetto presieduto da Francesco Saverio Nitti (giu. '19-giu. '20) caratterizzato dalle elezioni del nov. '19 vinte da socialisti (31,6% dei voti) e popolari (20,35%). Nel '20, Giolitti (giu. '20-lug. '21) subentrò a Nitti. Toccò a lui superare la difficile fase del “biennio rosso ” e stipulare il Trattato di Rapallo (12 nov. '20) che pose fine alla vicenda fiumana. L'Italia si annetterà Fiume nel 1924.

Riepilogando

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia