Questo sito contribuisce alla audience di

700-300 a.C. La nascita della filosofia

  • ID: 4
  • From: 700 a.C.
  • To: 300 a.C.
  • Description: 700-300 a.C. La nascita della filosofia

700 a.C.

Storia nel mondo

In Egitto continua la dinastia dei faraoni nubiani, con Shabaka, Shabataka e poi Taraqa, sotto il cui regno gli Assiri invadono l'Egitto.
Sennacherib II d'Assiria (704-681 a.C.) fa di Ninive la sua capitale, dopo aver brutalmente sottomesso la ribelle Babilonia; conquista la Fenicia, esclusa Tiro. Asarhaddon, suo successore, (r. 681-69 a.C.) ricostruisce Babilonia e attacca l'Egitto nel 671 a.C., occupa Menfi, arriva fino a Tebe, ma è respinto dai Nubiani. Nel 662 a.C. Assurbanipal distrugge Tebe e riduce l'Egitto di Tanutamon, ultimo faraone della XXV dinastia, a una provincia assira, governata dai Nomarchi, fra cui il fondatore della XXVI dinastia, Psammetico I di Sais; questi nel 663 a.C. scaccia gli Assiri dall'Egitto, approfittando delle loro divisioni interne e con l'aiuto del re di Lidia .
Il regno di Giuda sotto Manasse , figlio di Ezechia, è vassallo degli Assiri.
La lotta fra Tegea, Sparta e Argo per il possesso della regione di Cinuria nel Peloponneso, vede uscire vincitrice Argo, sotto il re Fidone. Ad Atene, nel 683 a.C. alla monarchia subentra l'Arcontato.
Secondo la mitologia giapponese del Kojiki, intorno al 660 a.C. Jimmu Tenno, nipote della dea Ama-terasu, fonda in Giappone il Regno Yamato . Yamato non è uno stato centralizzato, ma una confederazione di uji, entità semitribali, il più potente dei quali domina il regno. L'influenza culturale predominante è quella cinese, per mezzo della Corea. Il periodo Yamato dura sino al 645 d.C.

  • Evento: Egemonia assira
  • Evento: 683 Ad Atene l'Arcontato sostituisce la monarchia
  • Evento: In Giappone viene fondato il Regno Yamato

Storia in Italia

Gli Etruschi si espandono con facilità verso nord nella pianura padana e verso sud fino alla Campania. Bologna, l'antica Felsina, diventa un'importante città etrusca, centro di commerci grazie alla sua posizione strategica sulle vie di comunicazione fra nord e sud. Nonostante la raffinatezza della loro cultura e della loro arte, la loro abilità nel realizzare opere di ingegneria civile e idraulica e la potenza e la grandezza delle loro città, gli Etruschi non riescono a raggiungere un'effettiva unità politica e a costituire uno stato. A Numa Pompilio succede nel 762 a.C. Tullio Ostilio, che sconfigge Alba Longa.

  • Evento: Espansione territoriale degli Etruschi
  • Evento: 762 Tullio Ostilio succede a Numa Pompilio

Religione e filosofia

Si ritiene che appartenga a questo periodo la composizione di tre testi che compongono i Veda indiani: il Samaveda, lo Yajurveda e l'Atharvaveda. Con il primo si intende la conoscenza degli inni e delle melodie (samana, melodia). Il suo nucleo principale è interamente metrico e consiste di 1549 versi divisi in due libri. Il Samaveda serviva come breviario per i sacerdoti che officiavano i riti. Il termine Yajurveda deriva da certe formule in prosa (yajuh) che lo caratterizzano. Comprende, oltre alle formule rituali, anche commenti sacerdotali sull'azione e sulla funzione dei riti, espressi a volte sotto forma d'indovinello.
L'Atharvaveda (Veda delle formule magiche), è la raccolta di inni dedicata alle formule magiche ed esorcistiche recitate dai sacerdoti durante l'esecuzione dei riti domestici. Le formule magiche possono essere divise in due categorie: la Bhesajani, costituita da formule benefiche (mantra) di magia bianca, che riguardano la salute, la nascita, i matrimoni, ecc. e l'Abhicara che include incantesimi e pratiche malefiche di magia nera. Vi si possono trovare alcuni inni cosmogonici e teosofici che preludono alla speculazione filosofica delle Upanisad.

  • Evento: Componimento dei Veda indiani

Letteratura

Fiorisce la poesia greca: Mimnermo (670-600), scrive elegie in due libri di argomento mitologico. Considerato da Orazio poeta dell'amore descrive con immagini e accenti cupi la vecchiaia e la morte.
Alcmane (VII sec.), compone sei libri e carmi di argomento eroico, caratterizzati dalla sensibilità per la natura e la bellezza femminile.
Tirteo (VII sec) scrive elegie in cinque libri che comprendono una Costituzione per gli spartani, esortazioni e canti di guerra, tema fondamentale il valore militare che coincide con l'immortalità.
A Samo, Semonide , poeta satirico di cui ci sono giunti 200 versi frammentari irride alla sporca speranza degli esseri umani, medita sulla brevità e infelicità della vita, esprime il suo disprezzo per le donne, che considera la più grande sventura creata da Zeus.
A Magliano e altrove sono state trovate iscrizioni etrusche, per la maggior parte liturgiche o funerarie, risalenti all'incirca al 700 a.C., il che indica l'esistenza di una letteratura andata perduta. La lingua è incomprensibile e di origine sconosciuta, ma l'alfabeto è basato sul greco. Esso porterà allo sviluppo di un alfabeto latino.

  • Evento: Fioritura della poesia greca

Arte e architettura

Nella Magna Grecia si ha grande produzione di vasi tardogeometrici importati dalla Grecia, ma con volume maggiore e più ricca decorazione. Nella Ionia sono costruiti templi-santuari di dimensioni colossali, di derivazione asiatico-egizia, come l'Heraion di Samo e l'Artemision di Efeso. In Etruria si diffonde l'arte del periodo orientalizzante e Caere, Vulci e Tarquinia ne sono i centri principali; si realizzano armi e statuette in bronzo, il bucchero, le oreficerie a granulazione e filigrana, di alta qualità tecnica e artistica. Compare inoltre la statuaria funeraria in terracotta o pietra, e il canopo, ossuario con coperchio in cui sono antropomorfizzate le forme del cinerario villanoviano. Le tombe, scavate nella roccia, hanno dimensioni monumentali, con corridoio di accesso, atrio e camera sepolcrale, oppure con tamburo che racchiude la camera sepolcrale, coperta da falsa volta o falsa cupola e posta sotto un tumolo di terra. A Preneste, attuale Palestrina, a questo periodo risale la Fibula Prenestina, in oro, con un'iscrizione che costituirebbe la prima testimonianza linguistica del latino.
Nell'Europa Orientale si diffonde l'arte delle steppe, prevalentemente ornamentale.

  • Evento: Le tombe e la statuaria funeraria presso gli Etruschi

Musica

Nel processo di formazione della tradizione musicale greca spicca la figura di Terpandro (VIII-VII secc. a.C.) che si trasferisce da Antissa, sull'isola di Lesbo (culla di una notevole attività musicale) a Sparta, dove afferma la sua supremazia come citaredo, vincendo le gare in onore di Apollo organizzate nel corso della XXVI Olimpiade (676-673 a.C.). A Terpandro vengono attribuiti il completamento dell'ottava, la sistemazione del patrimonio tradizionale di melodie con l'invenzione dei nomoi e l'impiego del barbitos, una lira dall'intonazione grave, poi utilizzata anche da Alceo e Saffo . Terpandro è dunque indicato dagli autori antichi come la prima figura di musicista in grado di emergere dall'anonimato.

  • Evento: Innovazioni musicali introdotte dal greco Terpandro

Scienza e tecnologia

Intorno al VII sec.a.C. vengono battute nell'Egeo le prime monete dell'Occidente. Il conio di monete si sviluppa perchè il baratto è inadeguato a sostenere il crescente commercio tra le nazioni del Vicino Oriente e quelle del Mediterraneo. In Lidia le monete sono di elettro, cioè di una lega di oro e argento che spesso si trova anche in natura, a Focea sono battute in oro e ad Argo in argento, metallo facilmente ricavabile come sottoprodotto dalle miniere di piombo. Ad Atene viene coniato più tardi il tetradramma d'argento, recante la raffigurazione della civetta, animale sacro alla dea Atena.
Gli Ateniesi ricavano argento, piombo e zinco dalla miniera del Laurion, situata a poca distanza dalla città, dove sono impiegati come minatori i prigionieri di guerra. I minerali vengono estratti scaldando col fuoco la roccia e poi disgregandola con picco e martello. All'esterno sono ancora visibili le laverie, dove dalla roccia frantumata veniva separato il minerale metallico dallo sterile.

  • Evento: Le prime monete dell'Occidente

660 a.C.

Storia nel mondo

Tra il 660 e il 640 a.C. si svolge la seconda guerra messenica: Sparta reprime la rivolta dei Messeni, grazie alla superiorità militare della sua nuova tattica basata sulla falange di opliti. A Corinto nel 657 a.C. si instaura la tirannide. La città è la prima potenza navale della Grecia e allarga le sue relazioni commerciali con Mileto, la Lidia, l'Egitto. Nel corso del secolo la tirannide si afferma anche in altre poleis, come Megara, Sicione e altre città della Ionia; il governo forte del tiranno può attuare una decisa politica interna ed estera. Ad Atene, il legislatore Dracone dà alla città la sua prima legislazione scritta (621 a.C.), con cui viene abolita la vendetta del sangue.
In Egitto (663-609 a.C.), Psammetico I ristabilisce l'unità della nazione, che attraversa un ultimo periodo di rigoglio, con un ritorno nella letteratura e nell'arte dei modi dell'Antico e del Medio Regno, vagheggiati come un'età dell'oro.
Durante il suo regno, l'assiro Assurbanipal (ca. 668-27 a.C.) nel 648 conquista Babilonia e nel 639 distrugge Susa, nell'Elam; fonda a Ninive una grande biblioteca di oltre 22.000 tavolette d'argilla. Dopo questo periodo di crescita militare e culturale, la sorte degli Assiri declina rapidamente: il caldeo Nabopolassar di Babilonia si rende indipendente dagli Assiri e muove loro guerra.
Giosia (640-09 a.C.), re di Giuda, inizia un rinnovamento della vita spirituale ed è l'ispiratore di una rivolta in Giudea. Il profeta Geremia preconizza inascoltato imminenti sventure.
La Fenicia si rende indipendente dall'Assiria nel 627 a.C.

  • Evento: 657 Si affermano le prime tirannidi in Grecia
  • Evento: 621 La prima legislazione scritta di Atene

Storia in Italia

Anco Marcio diventa re di Roma nel 640 a.C. Egli edifica il ponte Sublicio, primo ponte sul Tevere, accrescendo l'importanza di Roma come nodo per il traffico commerciale fra Nord e Sud e conquista il territorio sino alla foce del Tevere, dove fonda la colonia e il porto di Ostia, stabilendo le prime basi della futura potenza marinara romana. Combatte e vince i Latini, i Veienti, i Volsci, i Sabini. In campo religioso Anco Marcio istituisce i sodalizi sacerdotali dei Flamini e dei Feziali.

  • Evento: 640 Anco Marcio diventa il nuovo re di Roma

Religione e filosofia

Talete di Mileto (ca. 624-546 a.C.) matematico e astronomo viene comunemente considerato tra i primi filosofi greci. Grande viaggiatore, entra in contatto con le culture scientifiche d'Egitto e Babilonia. È famosa la sua tesi secondo cui il principio unificatore delle natura è l'acqua o, meglio, l'elemento umido. Talete è influenzato dalle antiche culture fluviali e marittime nelle quali si sono affermate cosmogonie che parlavano di masse vorticose d'acqua nel caos primigenio. Ma la differenza, e la portata filosofica del pensiero di Talete, sta nel fatto che l'umidità si presenta come un principio immanente al mondo fisico, senza che si faccia ricorso all'impulso creativo di forze divine.
Lo zoroastrismo, proclamato in Iran da Zarathustra (o Zoroastro) propone, all'interno di una forma di monoteismo, una cosmologia dualista tra gli spiriti del bene e quelli del male, tra i quali l'uomo è libero di scegliere. Le Gatha sono il fulcro e la parte più antica del libro sacro iranico l'Avesta: un complesso di scritti liturgici e rituali redatti in un dialetto iranico nord-orientale. Prima di Zarathustra, la religione in Iran era simile alla religione indiana, molti degli dei del pantheon vedico delle origini, come per esempio Mitra e il culto del fuoco, coincidevano.

  • Evento: Talete di Mileto e le sue idee filosofiche
  • Evento: Nascita dello zoroastrismo in Iran

Letteratura

Solone (640-560 circa a. C.) è uomo politico, legislatore poeta greco. Balza sulla scena politica ateniese quando in un bizzaro costume da pazzo convince gli Ateniesi a combattere contro i Megaresi per il possessso di Salamina, recitando una sua elegia. Arconte di quella città, attua importanti riforme, sopprime la schiavitù personale per debiti, mitiga le forti ingiustizie sociali. Viene annoverato fra i sette sapienti della Grecia. Scrive 5000 versi con il titolo generico di Elegie. Nella sua opera poetica, di eccezionale valore documentario, esorta alle buone azioni e al buon governo.
Archiloco (? -648), poeta greco, scrive elegie, epigrammi, epodi con varietà di metri. Sua è la prima poesia autobiografica, nella quale esprime un mondo di passioni, sentimenti e affetti. Diverrà modello per Alceo e Saffo , che ne riconoscono l'originalità.
Una biblioteca di 20.000 tavolette viene istituita a Ninive da Assurbanipal (r. 668-627). Essa raccoglie scritti assiri, babilonesi e sumeri tra cui l'Epopea di Gilgamesh e lavori scientifici e religiosi.

  • Evento: Opere dei greci Solone e Archiloco

Arte e architettura

A Ninive, in Mesopotamia le Cacce di Assurbanipal, rilievi provenienti dal palazzo eretto per il sovrano assiro, sono il capolavoro del rilievo narrativo anteriormente al classicismo greco: notevole il naturalismo e la sequenza dinamica di tipo "cinematografico".
A Nasso la statua di Artemide dedicata da Nikandre è la tipica manifestazione della statuaria greca dedicata, in cui il volume accosta ortogonalmente le quattro vedute piatte parziali della figura. A Thermos, le metope di terracotta dipinta con animali fantastici sono il modo decorativo più antico delle formelle del fregio dorico; si passerà poi ai rilievi in calcare e in marmo. A Creta è costruito il tempio di Prinià, con sculture in stile geometrico-dedalico.
A Care, attuale Cerveteri, appare la più antica firma reperita in Italia su un'opera d'arte, quella del greco Aristonothos su un cratere con battaglia navale.

  • Evento: La statuaria greca e le decorazioni dei templi

Musica

La teoria delle scale viene sviluppata a Babilonia nel periodo caldeo (626-538 a.C.), sebbene già all'epoca dei Sumeri (IV-III millennio a.C.) fosse stato stabilito un rapporto tra musica e cosmo, matematica e astronomia, tra i suoni, le stagioni e gli astri. La divisione matematica delle corde produce una scala di 4 note, associata alle 4 stagioni. È probabile che la scala impiegata fosse di tipo pentatonico oppure eptatonico.

  • Evento: Sviluppo della teoria musicale delle scale presso i babilonesi

Scienza e tecnologia

Nell'Europa centrale predomina fino al V sec.a.C. la cultura dell'età del ferro detta di Hallstatt da una località presso Salisburgo, in Austria, dove sono presenti estesi giacimenti di salgemma, sfruttati ad intervalli da tempi remoti. Il sale viene scavato fino a 100 metri di profondità con gallerie e grandi camere nelle quali sono stati rinvenuti numerosi attrezzi. Grazie al commercio del sale gli hallstattiani acquisiscono prima di altri la tecnologia del ferro attraverso i Balcani .

  • Evento: L'Età del Ferro nell'Europa centrale

620 a.C.

Storia nel mondo

Nabopolassar si allea con i Medi di re Ciassare (625-585 a.C.) e col loro aiuto sconfigge l'Assiria; nel 614 espugna Assur, nel 612 Ninive, nel 608 Kharran. Tutte le città assire sono distrutte e la popolazione sterminata. Viene fondato l'Impero neobabilonese, che comprende Babilonia, l'Elam, la Mesopotamia occidentale, Siria e Palestina. Nabucodonosor II (r. 604-562 a.C.) rinsalda e rende prospero il regno; ricostruisce Babilonia ed edifica la leggendaria Torre di Babele; completa l'annessione della Siria-Palestina, conquistando Assalonna (610) e Gerusalemme nel 598, che viene distrutta l'anno dopo, mentre gli Ebrei, alleati dell'Egitto, vengono deportati a Babilonia nel 586 (cattività babilonese ). Quindi pone fine alle aspirazioni imperiali del faraone Necho; assoggetta la Fenicia (586), e stringe d'assedio Tiro, che resiste per ben tredici anni prima di capitolare.
Sparta introduce una ferrea disciplina militare intorno al 610 a.C.
Solone, arconte ad Atene nel 594 a.C., appiana la tensione tra aristocrazia e mercanti. Fra i suoi provvedimenti: liberazione dei contadini dalle ipoteche fondiarie e dalla servitù della gleba; limitazione del potere dell'aristocrazia; riforma monetaria; codificazione del diritto, e diritto per ogni cittadino di elevare una pubblica accusa. Solone introduce un sistema politico timocratico, basato sul censo.
Clistene è il tiranno di Sicione (600-570 a.C.). Delfi diventa il più grande santuario della Grecia, e i Giochi Delfici acquistano rinnovata importanza.
Mercenari ionici fondano Naukratis ed empori commerciali in Egitto nella zona del Delta, contribuendo ad ampliare gli orizzonti della cultura indigena. La nuova capitale è Sais .

  • Evento: Fondazione dell'impero neobabilonese

Storia in Italia

Nel 616 a.C. con Tarquinio Prisco si instaura a Roma la dinastia dei Tarquini, di origine etrusca, che introduce usi e costumi sia politici sia religiosi, tipici dell'Etruria. Tarquinio Prisco riconquista il territorio dei Prisci Latini, tra il Tevere e l'Aniene, trasferendo molti abitanti a Roma che vede così rinforzato l'elemento latino. Inoltre porta a 300 il numero dei senatori e costruisce opere di urbanizzazione, tra cui la Cloaca Massima, così che l'area acquitrinosa del Foro diventa il centro della città..

  • Evento: 616 A Roma inizia la dinastia dei Tarquini con Tarquinio Prisco

Religione e filosofia

Si pensa che il taoismo nasca dal pensiero del filosofo cinese Lao-Tze (forse VI-V secolo a.C.) a cui si attribuisce l'antologia Tao-te Ching. Figura leggendaria, Lao-Tze è presente nella considerazione religiosa taoista come un essere sovrumano oggetto di culto. Il tao , inteso come un ordine naturale e principio dinamico, è un impercettibile stato di vuoto e di essere indifferenziato da cui tutto deriva e a cui tutto ritorna. Scopo del taoismo è, dunque, un ritorno alla natura inteso anche come un ritorno alle "condizioni paradisiache" originarie del mondo. Il momento delle origini è nell'orientamento taoista carico di valori positivi e diventa un'età felice, anteriore al tempo storico. Non si tratta di un tempo primordiale dominato dal caos - secondo la più tradizionale visione cosmogonica - ma di una dimensione che trova un'oggettivazione oltre che in un tempo cosmico (un tempo "prima" del tempo in cui vive l'umanità attuale), anche in un luogo cosmico (un luogo "fuori" del luogo in cui vive l'umanità attuale): le isole fluttuanti su un mare abissale, nelle quali vivono i santi immortali. È un luogo che non sta in "nessun luogo": è letteralmente un'utopia.

  • Evento: Il taoismo

Letteratura

Alceo (630-?) vive un lungo esilio a causa delle guerre intestine fra i tiranni sostenuti dal popolo e le famiglie aristocratiche fra cui la propria. Tornato a Lesbo, grazie all'indulgenza del dittatore Pittaco, scrive canti di lotta politica, versi d'amore, canti per banchetti. Egli dà un nuovo impulso alla poesia arricchendo la lingua con spregiudicata libertà e ravvivando lo stile della melica monodica. Di lui ci restano 9 libri di canti suddivisi in poesie civili, conviviali, poesie erotiche, scritte in eolico letterario, il dialetto di Lesbo usato anche da Saffo .
Saffo (ca. 612-?), poetessa greca, muove dalla vita tipicamente femminile del tiaso, luogo di educazione delle fanciulle, per celebrare l'amore che come forza della natura, tormenta e travolge l'individuo, e la bellezza come rivelazione improvvisa del sacro.
Nel celebre frammento 31, si esprime la passione d'amore con accenti di insuperata potenza, attraverso un linguaggio di estrema semplicità.
La Bhagavadgita, o Canto del beato, è un poema religioso indù in 18 canti contenuto nel Mahabharata.

  • Evento: Opere di Alceo e Saffo

Arte e architettura

In Grecia si apre il periodo dello stile arcaico, religioso e aristocratico con la nuova aristocrazia mercantile urbana: inizia la statuaria di grandi dimensioni, il kouros e la kore, nelle scuole della Ionia, del Peloponneso e dell'Attica. Le ceramiche attiche e corinzie accolgono complesse figurazioni mitologiche, forse derivate da opere pittoriche perdute, mentre ad Atene l'attenzione si concentra sulla rappresentazione della figura umana: la tecnica è a figure nere e poi a figure rosse. In Magna Grecia i templi cominciano ad essere costruiti in calcare. Quasi tutti appartengono all'ordine dorico, come il Tempio delle Tavole Palatine a Metaponto e di Poseidone a Poseidonia, odierna Paestum , ma non manca l'ordine ionico, come nel Tempio di Locri. Nell'assetto urbano è precocemente adottato l'impianto razionale ad assi ortogonali di tipo ippodameo, come a Metaponto e a Paestum). In Sicilia si diffonde l'arte punica nella parte occidentale dell'isola.
In Mesopotamia i Medi guidati da Nabopolassar sconfiggono gli Assiri e rifondano il regno di Mesopotamia con capitale Babilonia; le loro opere riprendono quelle assire, con minor grandiosità e dinamismo. Nabuccodonosor II costruisce la doppia cinta muraria di Babilonia, il Tempio di Marduk, biblica torre di Babele, i palazzi reali e un ponte sull'Eufrate .

  • Evento: Lo stile arcaico in Grecia
  • Evento: Costruzione della Torre di Babele

Musica

In Persia il timpano appare (in un rilievo risalente all'incirca al 600 a.C.) come un tamburo a forma di vaso, percosso con bacchette. In Mesopotamia sono invece in uso degli originali timpani di metallo, che si sommano a un parco percussioni composto da campane di bronzo, sistri, bacchette a percussione e sonagli. Da epoche remote in India viene usato un tipico tamburo locale per accompagnare il canto. Presso i Fenici è in auge un tamburo a cornice, a mano e la Bibbia riporta testimonianze di strumenti a percussione presso gli Ebrei, che ne impiegano una grande varietà, tra cui la pa'amon (una campanella) e il tof (tamburello importato dalla Mesopotamia).

  • Evento: Gli strumenti a percussione

Scienza e tecnologia

I primi filosofi greci che si occupano della natura provengono dalla Ionia, la costa anatolica dell'Egeo il cui retroterra, anche culturale, si estende fino alla Mesopotamia. Anassimandro (VII-VI sec.a.C.) per esempio afferma che la Terra, immobile, ha la forma di un disco la cui altezza è un terzo del diametro. La sua distanza dalle stelle, dalla Luna e dal Sole è rispettivamente di 9, 18, 27 raggi terrestri. Anassimandro cerca anche di fornire una prima raffigurazione cartografica del mondo conosciuto.
Il tornio a pedale sembra sia stato inventato in questo periodo, anche se alcune raffigurazioni su ceramica mostrano ancora l'uso della rotazione manuale. Di poco anteriore è l'introduzione del succhiello, che si affianca al trapano ad arco già noto agli Egizi.
Testi matematici indiani del VI-III sec.a.C. trattano semplici forme geometriche e calcoli con grandi numeri, mentre in ambito mesopotamico si possono risolvere equazioni di secondo grado e gli astronomi usano tavole in cui i numeri valgono secondo la loro posizione.

  • Evento: Le prime filosofie sulla natura

580 a.C.

Storia nel mondo

Dopo Nabucodonosor si fanno evidenti i segni di decadenza del regno babilonese; Nabonide (555-539 a.C.) si inimica la casta dei sacerdoti di Marduk ed è costretto a fuggire da Babilonia.
La lega del Peloponneso si fonda sulla forza militare di Sparta (560 a.C.), che esercita l'egemonia. Il tiranno Pisistrato (ca. 600-529 a.C.) rafforza l'autorità ateniese nella Grecia orientale; i traffici commerciali si intensificano.
Ciro il Grande (m. 529 a.C.) fonda l'Impero persiano, sconfiggendo i Medi nel 549 a.C. e gli Ioni nel 547 a.C. Sardi diventa la capitale della satrapia ionica.
Il regno cuscita si espande a sud fino a Khartoum (c. 550 a.C.).
Il regno di Magadha è fondato nel Bihar, India settentrionale (ca. 542 a.C.).
Sotto il faraone Amasi (569-525 a.C.) l'Egitto diventa una potenza navale nel Mediterraneo orientale, e ha relazioni con i Greci delle isole e delle colonie in Cirenaica.
Nell'ultima fase del periodo Primavere e Autunni in Cina vive Confucio (551-479 a.C.), la cui dottrina e pratica filosofica influenzeranno profondamente la civiltà cinese.

  • Evento: 551 In Cina nasce Confucio
  • Evento: 549 Fondazione dell'impero persiano

Storia in Italia

Nel 578 a.C. Servio Tullio succede a Tarquinio Prisco. Il suo nome è legato alla costruzione della prima cinta muraria di Roma, le mura serviane e alla grande riforma serviana, che introduce il nuovo ordinamento centuriato che, superando la precedente struttura gentilizia dello Stato, vi integra anche gli immigrati dalle vicine contrade in continuo aumento. La riforma, inoltre, destina al servizio militare i ceti più abbienti, consentendo anche di allargare i quadri dell'esercito cui il re dà una nuova struttura, ricopiandola dalla tattica oplitica greca. Servio Tullio rappresenta il momento in cui la civiltà latina, impregnatasi, attraverso il contatto col mondo etrusco, di cultura greco-orientale, prende l'avvio per la sua espansione spirituale e politica.

  • Evento: 578 Servio Tullio è il nuovo re di Roma

Religione e filosofia

In India il pensatore Vardhamana (detto anche Mahavira, grande eroe) elabora il pensiero dello jainismo che predica l'auto-negazione, la non violenza e rifiuta l'autorità del rituale brahmano. Alla base vi è la ricerca di una salvezza non mondana, mentre la tradizione politeistica tende al conseguimento di un ordine e di una salvezza mondani. Il jainismo è sorto contemporaneamente al buddhismo e risponde alle stesse esigenze soteriologiche, ovvero la salvezza dalla condizione umana, giudicata come assolutamente negativa. Una salvezza che si conquista attraverso un percorso di ascesi, di rinuncia e di meditazione.
Entro la corrente principale del vedismo, invece, appaiono le prime Upanisad (lezione, ma anche iniziazione misterica) che rappresentano l'estremo sviluppo di un lungo processo d'interiorizzazione dell'antica religione. Nella speculazione upanisadica, la salvezza è intesa come liberazione (moksha) dalla multiformità del divenire, grazie al raggiungimento di una condizione in cui si sperimenta l'unicità e la totalità dell'essere.
In Grecia, il filosofo di Mileto Anassimandro si occupa delle scienze naturali allora esistenti e ipotizza che tutti gli esseri viventi siano originati dal mare. Come principio (archè) della realtà vi è una sostanza primaria indeterminata (ápeiron) a partire dalla quale si sono formate, con un processo di determinazione sempre crescente, le cose di cui è fatto il mondo.

  • Evento: I pensieri dello jainismo e del vedismo
  • Evento: La filosofia del greco Anassimandro

Letteratura

Anacreonte di Teo (ca. 570-485), poeta greco di cui restano 100 frammenti brevi, di particolare raffinatezza erotica, lega il tema dell'amore a quello del simposio. Il suo nome è legato a un verso che costituirà il verso anacronteo.
Esopo (?-564), uno schiavo della Tracia, è autore di favole brevi, che diventano subito letture scolastiche per ragazzi. Le sue favole, popolari nella Grecia del V secolo, di carattere didascalico, analizzano i vizi e le virtù degli uomini, personificandoli in animali diversi. Costituiranno il materiale e il modello di molte raccolte successive tra cui quelle del poeta latino Fedro e ispireranno il capolavoro di La Fontaine .
Simonide (556-468), poeta lirico greco tratta molti generi di lirica, di cui restano 100 frammenti, per lo più epigrammi funerari.
Consapevole del valore sociale della poesia, motivi ricorrenti delle sue liriche sono: l'infelicità umana, la libertà, il profondo pessimismo, i condizionamenti affettivi sull'azione umana. Famoso l'encomio da lui scritto per i morti alle Termopili, ripreso secoli dopo da Leopardi .

  • Evento: Le favole di Esopo e le liriche di Simondie

Arte e architettura

In Grecia si cominciano a conoscere i nomi degli autori di opere d'arte che acquistano individualità e prestigio: a Creta gli scultori Dipoinos e Skyllis, ad Atene il ceramista Sophilos che firma una deinos con i Giochi funebri in onore di Patroclo , Kleitias, che dipinge il Vaso François, capolavoro della ceramica ateniese di questo momento, con numerosi temi mitologici originalmente svolti, e il Pittore di Amasis, influenzato dal decorativismo ionico; a Samo l'architetto e scultore Teodoro di Samo esegue il primo autoritratto della storia dell'arte, in bronzo. Inoltre, a Delfi è eseguito il più antico fregio continuo dell'arte greca, nel Thesauros dei Sifni, primo edificio greco in stile ionico. L'arte etrusco-arcaico rappresenta la fase di maggior sviluppo dell'arte etrusca, sotto l'influenza dei modelli greci, ionici e attici, con pitture tombali, scultura in pietra di grandi proporzioni, architettura religiosa, con le prime costruzioni templari di Veio e Conca, e decorazione fittile.
A Babilonia , la porta di Ishtar, rivestita con piastrelle policrome con figure di animali, è uno degli ultimi documenti dello sfarzo della capitale dell'età neobabilonese, prima della conquista da parte dei Persiani con Ciro il Grande, poco dopo il 550 a.C. In India inizia la diffusione del buddhismo e del giainismo e nasce la letteratura sanscrita .

  • Evento: Il primo autoritratto della storia dell'arte

Musica

Pitagora (ca. 560-470 a.C.) introduce in Grecia la scala caldea, di cui si dice sarebbe venuto a conoscenza nel corso dei lunghi viaggi in Oriente da lui intrapresi prima della fondazione della celebre Scuola filosofica di Crotone, in Magna Grecia . Attraverso l'impiego del monocordo (forse di sua invenzione) Pitagora e i suoi discepoli sperimentano gli intervalli consonanti di quarta, quinta e ottava, teorizzandone la corrispondenza con il principio dell'ordine cosmico e con l'anima dell'uomo (tecnicamente il sistema proposto da Pitagora si basa sulla scoperta che una corda premuta a 2/3 della sua lunghezza suona 1/5 di tono più alto della lunghezza stessa).

  • Evento: Introduzione della scala caldea in Grecia

Scienza e tecnologia

Talete di Mileto (624-548 a.C.), considerato il padre della filosofia greca, fa osservazioni particolareggiate sui metodi di triangolazione, riuscendo a determinare la distanza da punti inaccessibili mediante l'utilizzo di triangoli uguali o proporzionali, ponendo così le basi del teorema che porta il suo nome.
Pitagora (ca.580-500) ha fama di avere intrattenuto rapporti con sapienti orientali dai quali apprese i rudimenti delle sue conoscenze. Studia infatti medicina, astronomia, musica e matematica, elaborando una particolare teoria dei numeri.
Il famoso teorema che porta il suo nome rappresenta la razionalizzazione di conoscenze empiriche mesopotamiche, che sfruttavano il rapporto tra i lati di un triangolo che misurino rispettivamente 3, 4, 5, indipendentemente dall'unità di misura usata. Il suo nome è inoltre collegato alla diffusione di movimenti filosofici di tipo esoterico , fondati sul significato mistico dei numeri.

  • Evento: Gli studi matematici di Talete di Mileto

540 a.C.

Storia nel mondo

Il re persiano Ciro II il Grande, dopo aver conquistato il regno dei Medi, prende Babilonia nel 538 a.C., dove è bene accolto dai sacerdoti di Marduk; Babilonia diventa una provincia persiana. Anche la Palestina diventa parte dell'Impero persiano, e gli Ebrei deportati possono far ritorno a Gerusalemme, dove iniziano la ricostruzione del Tempio, che terminano nel 515 a.C. Ciro conquista anche la Lidia e si spinge sino ai confini dell'India. Alla morte di Ciro in battaglia gli succede Cambise II (529-522 a.C.), che sconfigge il faraone Amasi a Pelusio e conquista l'Egitto nel 525 a.C., instaurando una satrapia. La XXVII dinastia egiziana (525-404 a.C.) è composta da sovrani persiani. Dario I (548-486 a.C.), genero di Ciro II, regna su un Impero centralizzato che si estende dall'Indo al Mediterraneo ed è diviso in regioni (satrapie). Dario costringe all'obbedienza anche la Tracia e la Macedonia e nel 512 a.C. si spinge nella valle dell'Indo.
Policrate è il tiranno di Samo, nella Ionia. Ippia e Ipparco succedono a Pisistrato come tiranni di Atene. Nel 510 a.C. Clistene rovescia la tirannide e riforma lo Stato in senso democratico. Viene introdotto l'ostracismo, cioè una votazione per mandare in esilio coloro che aspirano alla tirannide. Nel 508 a.C. Clistene viene cacciato in seguito all'intervento di Sparta, ma torna al governo grazie all'azione del popolo ateniese. Anche ad Argo viene instaurata la democrazia (506 a.C.).
L'India è un mosaico di Stati, frequentemente in lotta fra loro. Emerge fra essi il Maghada, sotto i re Saisunaga Bimbisara (ca. 545-490 a.C.) e Ajatasatru (ca. 490-460 a.C.). Vivono in questo periodo Gautama Buddha (560-483 a.C.), l'Illuminato, fondatore del buddhismo e Vardhamana, che predica la totale ascesi e fonda il giainismo.

  • Evento: 538 Inizia la grande espansione territoriale dell'impero persiano
  • Evento: 510 Ad Atene ritorna la democrazia

Storia in Italia

Nel 535 a.C. sale al trono Tarquinio il Superbo, che persegue un'energica politica di espansione nel Lazio, riuscendo a imporre la supremazia romana dal Massiccio Albano ad Anzio. Durante il suo regno Roma, la cui popolazione è in continuo aumento, diviene un vivace centro di traffici, assumendo la fisionomia di una vera e propria città, mentre nuovi fermenti di cultura, di pensiero e di religione si sviluppano sotto l'influsso del vicino mondo etrusco. Queste trasformazioni, come pure l'attiva politica di espansione territoriale, suscitano l'opposizione degli esponenti del patriziato, che lo scacciano nel 510 a.C. e instaurano la Repubblica con a capo due consoli.
Si consolida il dominio cartaginese sui mari: in seguito alla battaglia di Alalia nel 535 a.C. i Greci sono costretti a lasciare Corsica e Sardegna nelle mani dei Cartaginesi e degli Etruschi . Intorno al 510 Roma stipula un trattato politico con Cartagine: riconosce il monopolio commerciale cartaginese nel Mediterraneo occidentale, purché i Cartaginesi non attacchino Roma e i suoi alleati. Intanto si susseguono due guerre contro gli Etruschi, provocate dai Tarquini.

  • Evento: 535 Tarquinio il Superbo sale sul trono di Roma

Religione e filosofia

Confucio (ca. 551-479 a.C.) insegna l'etica sociale in Cina; la sua dottrina - esposta nei Lun Yü (dialoghi) ci è pervenuta grazie alla compilazione dei suoi discepoli. Essa abbraccia elementi della religione cinese e sottolinea virtù sociali aristocratiche e una condotta in armonia con l'ordine celeste; egli affida una preminenza assoluta ai valori morali, ma pone al tempo stesso l'accento sulla consapevolezza dell'esistenza del fato e dei decreti del cielo. La condotta virtuosa tende a preservare da ogni turbamento l'ordine costituito, sia esso rappresentato dalla famiglia o dallo Stato.
A Crotone, il filosofo di geco Pitagora (ca. 570-490 a.C.) fonda una setta aristocratica che da un lato aveva le caratteristiche di un'associazione religiosa ispirata dai culti orfici , secondo i quali l'anima immortale è costretta a incarnarsi. Dall'altro, si presentava come un centro di studi matematici coltivati per il loro valore teologico e morale. Il pitagorismo ravvisa nel rapporto di armonia che intercorre tra i numeri e i suoni della scala musicale (rappresentato dal concetto di limite, misura) il principio ordinatore del mondo (archè).

  • Evento: La dottrina di Confucio
  • Evento: Viene fondata la scuola di Pitagora

Letteratura

Eschilo (ca. 525-456), tragediografo greco, compone circa 90 drammi di cui sono rimaste sette tragedie tra cui Agamennone, Coefore, Eumenidi (trilogia dell'Orestiade), Le Supplici e il Prometeo incatenato. Nelle Supplici, protagonsita è il coro. Nel Prometeo incatenato il titano è punito da Zeus per aver fatto dono agli uomini del fuoco sottratto agli dei. Prometeo, in rivolta contro il dio, diverrà in epoca romantica il simbolo della rivolta dell'uomo contro ogni oppressione. Le tragedie di Eschilo sono opera di grande poesia. Egli approfondisce il pensiero di Solone e stabilisce un rapporto preciso fra colpa e pena. Gli dei puniscono l'hybris, la colpa originaria: la saggezza umana consiste nel sottoporsi a Zeus che è ordine, legge, volontà e giustizia.
Pindaro (ca. 518-438), poeta greco, tratta tutte le forme della lirica corale. Dei 17 libri restano integri gli Epinici. I temi fondamentali sono le lodi del vincitore, la potenza glorificante della poesia, il rispetto verso gli dei, espressi con un linguaggio metaforico e analogico. Il suo stile procede a sbalzi, per quadri staccati, con toni da favola e solennità di sentenze.

  • Evento: Le tragedie di Eschilo
  • Evento: Le liriche di Pindaro

Arte e architettura

Ad Atene compaiono i primi vasi a figure rosse per la prima volta nella bottega di Andokides. Si ha inoltre l'invenzione dello scorcio, opera, secondo Plinio, del pittore Kimon di Kleonai. Aristokles scolpisce a bassorilievo la stele di un Guerriero: le stele funerarie sostituiscono i grandi vasi come segnascoli delle tombe, divenendo un genere tipico della scultura ateniese. Viene costruito il tempio di Atena sull'Acropoli, col primo fronte lavorato a tutto tondo. Nel frontone ovest del Tempio di Apollo a Delfi , opera di Antenor, il tema della Gigantomachia permette all'artista di disporre adeguatamente le sue statue, quasi a tutto tondo, nella campitura triangolare.
A Roma è inaugurato il Tempio di Giove Capitolino, con sculture fittili etrusche e a Caere, attuale Cerveteri , sono eseguiti i due più celebri sarcofagi dell'arte etrusca, con coppie di sposi reclinate sulla copertura
Ad Assos, Asia Minore, è scolpito il primo fregio continuo dell'arte greca in un tempio dorico, elemento che sarà tipico dell'ordine ionico, poiché il dorico canonico prevede un fregio ornato con triglifi e metope, mentre a Persepoli , in Iran, inizia la costruzione del palazzo di Dario I, il maggior documento architettonico del periodo achemenide, che riporta nei fregi delle gigantesche colonne la vittoria persiana sui re dei Medi .

  • Evento: Costruzione del tempio di Atena sull'Acropoli

Musica

Il repertorio musicale dell'antica Grecia si fonda sui nomoi (cioè, leggi) arcaici, ovvero schemi melodici, sequenze di suoni in successione discendente su cui vengono costruite le melodie. Risalenti tradizionalmente all'età di Terpandro , il loro impiego è collegato alla teoria dell'ethos musicale, cioè dell'influsso morale della musica sull'uomo, sui suoi sentimenti, sulla sua attività. Ciò avviene specialmente con l'introduzione del concetto classico di harmonia (utilizzato nei secoli VI-IV a.C.): a ogni harmonia viene attribuito il nome di una tribù greca (misolidia, dorica, frigia, ecc.), cui corrisponde un particolare effetto sull'animo umano: raccoglimento, voluttà, compostezza ecc. Sul problema prendono posizione i maggiori filosofi e da questo sistema teorico, attraverso la mediazione di intellettuali come Cassiodoro e Boezio , si perverrà alla modalità medievale.

  • Evento: I nomoi nella teoria musicale greca

Scienza e tecnologia

La scuola ionica cerca di fondare principi generali sui dati dell'esperienza sensibile e di risolvere poi i problemi tecnologici, utilizzando le conoscenze scientifiche così acquisite. Si ritiene per esempio che Anacarsi di Scizia e Teodoro di Samo abbiano inventato la chiave e l'ancora metallica con marre e rampino ed abbiamo migliorato il tornio e il mantice per metallurgia. La saldatura del ferro, associata al nome di Glauco di Chio , viene ottenuta a partire dal VII sec.a.C. martellando uno sull'altro i due pezzi incandescenti. Compaiono per la prima volta tenaglie incernierate per la manipolazione del metallo da forgiare: esse sono raffigurate su un vaso attico del VI sec. a.C. rinvenuto ad Orvieto.
I Persiani usano l'ottone, una lega di rame e zinco, a partire dal V sec. a.C: il suo colore così simile all'oro lo rende idoneo alla fabbricazione di coppe e vasellame.
Eraclito di Efeso (ca.540-480) è testimone della tecnica contemporanea sostenendo che il fuoco sia il principio fondamentale dell'Universo.

  • Evento: Uso dell'ottone presso i Persiani

500 a.C.

Storia nel mondo

Aristagora di Mileto capeggia la rivolta ionica (500-494 a.C.) contro i Persiani. Dopo i primi successi delle città greche in Asia Minore, Dario contrattacca: nel 494 a.C. distrugge Mileto e ne deporta gli abitanti in Mesopotamia. I Persiani proseguono la spedizione punitiva e conquistano Tracia e Macedonia nel 492 a.C., mentre ad Atene Temistocle è eletto arconte. Nel 490 a.C. gli Ateniesi, condotti da Milziade, riescono a fermare i Persiani a Maratona. La flotta persiana si ritira in Asia Minore. Atene assume la statura di una grande potenza. Temistocle fa avviare la costruzione della flotta (487-483 a.C.) Nel 480 a.C. il re persiano Serse dà inizio alla seconda guerra persiana, partendo da Sardi a capo di un esercito forte di 100.000 uomini. Nel frattempo, i Cartaginesi attaccano le colonie greche in Sicilia, ma sono sconfitti da Gelone di Siracusa, mentre suo fratello Gerone batte la flotta etrusca a Cuma nel 474 a.C. I Greci si riuniscono nella Simmachia ellenica, lega militare capitanata da Sparta. Il sacrificio di Leonida e dei suoi 300 Spartani e di altri 5600 guerrieri al passo delle Termopili (agosto 480 a.C.) non salva la Beozia e l'Attica, che vengono invase dai Persiani, mentre Atene è messa al sacco. I Persiani sono però sconfitti dalla flotta ateniese nella battaglia navale di Salamina e nel 479 a.C. sono battuti in terra dall'esercito spartano a Platea e di nuovo in mare a Micale dagli Ateniesi.
Nel 479 a.C. Atene si circonda di una cerchia di mura. Nel 477 a.C. Atene e le città ioniche, liberate nel 478 a.C., fondano la lega di Delo in funzione antipersiana. Atene ha la supremazia nella Grecia orientale. Cresce l'ostilità fra Sparta e Atene. La guerra contro i Persiani continua sotto l'ateniese Cimone, che sconfigge i nemici per terra e per mare nel 465 a.C. alle foci dell'Eurimedonte in Asia Minore.

  • Evento: 490 Battaglia di Maratona

Storia in Italia

Nel 494 a.C. la secessione dei plebei, che si ritirano sul Monte Sacro, porta alla concessione da parte dei patrizi della creazione delle assemblee della plebe, presiedute dai tribuni della plebe. Attorno al 485 la casta delle famiglie nobili si irrigidisce e la lotta fra i patrizi e i plebei prosegue. Nel 493 Romani e Latini stipulano il Foedus Cassianum, un trattato in cui si riconosce l'autonomia delle città latine e si affida a Roma il supremo comando in tempo di guerra. Roma inizia una politica offensiva nell'Italia centrale.

  • Evento: 494 Lotte tra patrizi e plebei

Religione e filosofia

Il buddhismo viene fondato in India quando Siddartha Gautama (ca. 560-480 a.C.) abbraccia la via dell'ascesi e segue gli insegnamenti di maestri di yoga; si sottopone a straordinarie privazioni, ma comprende l'inutilità dell'ascesi. Attraverso una serie di meditazioni profonde giunge, infine, alla verità, conquista, illuminazione (buddha, significa infatti illuminato) e diventa onnisciente. Nel discorso di Benares egli spiega il nucleo fondamentale della sua dottrina: essenza della vita è il dolore (prima verità) che trova la sua origine nella sete di vivere, prodotta dai desideri dei sensi e dall'ignoranza (seconda verità). È quindi necessario distruggere il dolore (terza verità) attraverso l'ottuplice sentiero, che porta alla liberazione dall'esistenza, al nirvana (quarta verità). Secondo il filosofo greco Eraclito (ca. 550-480 a.C.) sono la contraddizione, il divenire e il mutamento i caratteri essenziali del mondo; nota la sua affermazione: "tutto diviene" (pánta rhêi); attraverso il logos, che è il messaggio divino che ispira l'anima del saggio, si comprende che la realtà è sempre unità e opposizione, "unità armonica di tensioni opposte" (Sulla natura, frammenti).

  • Evento: Viene fondato il buddhismo
  • Evento: Il pensiero filosofico del greco Eraclito

Letteratura

Euripide (480-406), tragediografo greco, compone 18 tragedie tra cui Alcesti, Ifigenia, Baccanti, Elettra, Oreste, Medea, la cui figura è una delle più grandi della letteratura di tutti i tempi.
L'opera di Euripide è quella del dissidio tra la ragione e le forze oscure dell'inconscio. Il poeta tenta di sostituire il nuovo mito dell'intelligenza: da qui l'attenta osservazione della realtà, l'interesse per l'indagine psicologica, che si esprime con grande sensibilità nelle figure femminili. Nella struttura della tragedia abusa del prologo e dell'apparizione del deus ex machina, che porta a una soluzione meccanica, con un finale spettacolare. Influenzerà la letteratura umanista fino a Racine e Goethe .
Erodoto (484-426-30), considerato il primo prosatore della letteratura, scrive le Storie dalla storia della Lidia alle guerre persiane. Nel proemio presenta la sua opera come l'esposizione della sua indagine, attraverso i viaggi, su luoghi noti e lontani, genti greche e barbare, re e popoli, umili e potenti. La prosa, senza artifici retorici, è semplice e fluida.
Nel periodo in cui vive Confucio (551-479) i cinque libri classici Wu-Ching raggiungono la loro forma definitiva.

  • Evento: Le tragedie di Euripide
  • Evento: Opere di Erodoto

Arte e architettura

In Grecia si passa dello stile arcaico al severo, che si sviluppa al termine delle vittorie contro i Persiani, ed è espressione, come il successivo stile classico, dell'antropocentrismo sviluppato dal pensiero filosofico. L'evoluzione del kouros è testimoniata dal cosiddetto Efebo nudo di Kritios: la rigida posa arcaica si scioglie col volgersi della testa e l'avanzare di una gamba a cui corrisponde una lieve inclinazione del busto. Nella statuaria si introduce quindi organicità e movimento, e nella ceramica opere del Pittore dei Niobidi , Polignoto, Mikon e Paneno iniziano la rivoluzione della forma con la conquista dell'illusione spaziale e l'abbandono del disegno colorato a tinte piane tipico del mondo antico. A Delfi è eretto, per celebrare la vittoria di Maratea, il Thesauros, dove le metope raggiungono, col tutto tondo, la loro forma canonica. La decorazione segue uno spunto tematico unitario, con l'Amazzonomachia del frontone, le Storie di Teseo e di Ercole rispettivamente nelle metope di ciascun lato.
In Cina il pensiero di Lao-tzu influisce sull'architettura, promuovendo la ricerca di spazi non limitati da pareti, ma liberi sotto una copertura sorretta da esili pilastri. In Nigeria si ha la massima diffusione della cultura di Nok , con caratteri autonomi dalle culture dell'Africa settentrionale e del Vicino Oriente.

  • Evento: Lo stile severo in Grecia

Musica

Musica, danza e poesia sono all'origine del teatro greco. In particolare la tragedia nasce nel VI secolo a.C. dal ditirambo (un canto religioso tripartito in onore di Dioniso e forma fondamentale della musica greca), attraverso l'introduzione di sezioni recitate in versi trocaici e giambici tra gli interventi (cantati e danzati) del coro. Quest'ultimo si esibisce in un'area chiamata orchestra e situata di fronte al palcoscenico (nel ditirambo il coro era collocato intorno all'altare). Dalla fine del VI secolo a.C. (probabilmente dal 509 a.C.) la produzione drammaturgica fiorisce ad Atene in occasione di concorsi indetti durante le festività dette Grandi Dionisie.

  • Evento: Nascita del teatro greco

Scienza e tecnologia

Atene diviene un centro importante della cultura greca e ivi confluiscono anche i pensatori della Ionia, liberata dalla sudditanza persiana. La cultura ateniese, riflessa nel volume e nella varietà dei suoi commerci e nella sua operosità, viene presa a modello. Produce grandi quantità di metallo, olio e tessuti. Anche la ceramica raggiunge un'altissima qualità nel disegno e nella manifattura ed è molto ricercata all'estero. L'attività mineraria diventa così importante che nel IV sec.a.C. Senofonte vi dedica una parte importante del suo trattato sulle rendite di Atene.
Anassagora di Clazomene (ca.500-428 a.C.), che giunge ad Atene dalla Ionia intorno al 480 a.C., avanza una delle prime spiegazioni scientifiche del mondo, ritenendo che le sostanze siano costituite da parti più piccole che si uniscono o si separano. Si occupa anche di geometria e soprattutto della quadratura del cerchio.
Empedocle di Agrigento (484-424 a.C.) sostiene che la realtà fisica sia costituita dai quattro elementi fuoco, aria, acqua, terra che si attraggono o si respingono secondo il prevalere di una o dell'altra di due forze definite amore e odio.

  • Evento: Il pensiero filosofico di Anassagora ed Empedocle

460 a.C.

Storia nel mondo

Dal 462 a.C. Pericle ed Efialte e poi, dopo l'assassinio di Efialte, solo Pericle, completano il processo di democratizzazione dello Stato ateniese. Nell'età di Pericle (443-429 a.C.) il potere e la cultura ateniesi raggiungono l'apice. La città è abbellita con grandi opere, tra cui il Partenone, mentre operano i più grandi artisti, tragici, storici e filosofi. In politica estera, Atene inaugura una politica imperialistica. Ma la rivalità tra Atene e Sparta, nonostante il riconoscimento reciproco dell'egemonia sul Peloponneso per Sparta e dell'Impero ateniese derivato dalla Lega delio-attica per Atene (pace dei Trent'anni, 445 a.C.), non è sopita e sfocia nel 431 a.C. nella guerra del Peloponneso. La prima fase della guerra è detta Archidamica (431-421 a.C.), dal re spartano Archidamo che invade due volte l'Attica, dove, secondo il piano di Pericle, la popolazione si è rinchiusa nelle mura di Atene e del Pireo. Atene contrattacca e conquista Potidea. Morto Pericle di peste nel 429 a.C., la guida della politica ateniese è presa da Nicia, del partito oligarchico, e da Cleone, democratico radicale. La guerra continua con successi alterni fino al 421 a.C. Atene stronca le velleità di rivolta di Lesbo e di Corcira (427-425 a.C.) e conquista Pilo, base navale sulle coste della Messenia, ma subisce gravi insuccessi in Beozia (del 427 a.C. è la capitolazione di Platea; del 424 a.C. la sconfitta presso Delio) e in Tracia dove gli Spartani condotti da Brasida tentano di staccare le città della costa dalla Lega Delio-Attica (del 422 a.C. è la presa di Anfipoli da parte di Brasida). Morti nel 422 a.C. Cleone e Brasida, fautori della guerra, si giunge nel 421 a.C. alla pace detta di Nicia, che ristabilisce lo status quo.
In Palestina , sotto Neemia (445-433 a.C.) e Esdra, gli Ebrei si riorganizzano politicamente, pur rimanendo una provincia dominata da stranieri, e rifondano la loro religione, introducendo il concetto di diritto divino, la Legge come dono di Dio, che regola ogni aspetto della vita.
Il Buddhismo si diffonde in India.

  • Evento: 443 Inizia l'età di Pericle
  • Evento: 431 Inizio della guerra del Peloponneso tra Atene e Sparta

Storia in Italia

Nel 454 i Romani con Cincinnato sconfiggono Equi e Volsci, scesi in pianura dalle montagne. Nel 450 entra in vigore a Roma la Legge delle XII tavole, elaborata dai decemviri, che codificano, mettendolo per iscritto, tutto il diritto consuetudinario. Nel 445 la Lex Canuleia abolisce il divieto di matrimonio fra patrizi e plebei. Nel 449 Sabini e Equi infliggono una sconfitta a Roma. Nel 421 i plebei ottengono l'ammissione al collegio dei questori.

  • Evento: 450 A Roma viene messo per iscritto tutto il diritto del tempo

Religione e filosofia

Parmenide di Elea, nella Magna Grecia, è considerato dalla tradizione uno tra i pensatori più enigmatici; nella sua opera (Sulla natura, scritta in esametri) si esprime il carattere rigorosamente intellettuale assunto dalla ricerca, la cui rigorosità è determinata dalla necessità del suo oggetto che è l'essere stesso. La necessità dell'essere che è e non è possibile che non sia esclude la contraddizione, il cambiamento sostanziale: l'essere non è dunque il mondo sensibile. Egli, così, oppone l'essere all'apparenza, ritrovando nel pensiero quei caratteri che devono appartenere all'essere: assolutezza, totalità, unità. Parmenide ravvisa nella sfera la forma perfetta che simboleggia l'essere e come tale concepisce la struttura del mondo.
Intanto si sviluppa il movimento della sofistica. Il termine sophistes viene applicato a maestri che impartiscono il loro insegnamento. Per ottenere un maggior prestigio in campo politico veniva insegnata, agli aristocratici, una dialettica e una retorica non prive di scetticismo nei riguardi della verità, della religione e dei valori etici. I principali sofisti sono Protagora, Gorgia, Prodico, Ippia.
In Cina Mo Ti (ca. 470-391 a.C.) insegna il pacifismo e l'amore universale; predica la vita semplice e ascetica, lontana da ogni lusso, e osteggia i riti confuciani.

  • Evento: La filosofia di Parmenide
  • Evento: Nascita della sofistica

Letteratura

Sofocle (497-406) tragediografo greco, scrive sette tragedie tra le quali Edipo re, Elettra, Antigone, Aiace. Nell'Edipo re , considerato da Aristotele il suo capolavoro, e modello insuperato dell'arte tragica, esprime la totale infelicità umana: solo nel dolore l'uomo trova e giustifica la propria nobiltà, il privilegio di essere la coscienza del mondo, con l'unico conforto, la pietà, che richiede anch'essa le sue vittime. Al di là dell'influenza letteraria che ha esercitato in tutti i secoli, Edipo è diventato, con Freud , una delle chiavi della scoperta delle forze inconscie della psiche.
Tucidide (460-?), scrive la Guerra del Peloponneso, nella quale restringe l'indagine ai fatti contemporanei e al loro aspetto politico-militare che fa di lui il precursore di Machiavelli .
Il filosofo greco Socrate (469-399), pur senza lasciare nulla di scritto, dà vita al dialogo come forma di indagine conoscitiva: il conosci te stesso diviene fondamento della ricerca filosofica e del sapere nei secoli successivi.

  • Evento: Le tragedie di Sofocle

Arte e architettura

Sull'Acropoli di Atene iniziano i lavori del Partenone, grandioso tempio dorico voluto da Pericle su disegno di Ictino e di Fidia , con 92 metope, 150 m di fregio con la Cavalcata panatenaica e frontoni con più di 40 statue a tutto tondo; si costruisce anche l'Eretteo, capolavoro di grazia con la celebre loggetta delle Cariatidi. Ad Olimpia è costruito il Tempio di Zeus, in stile severo, modello di numerosi templi della Sicilia e della Magna Grecia. Mirone scolpisce il Discobolo, legato alle tematiche atletiche diffusissime nel periodo severo: immobilizza un atleta nel pieno dell'azione, ricercando un equilibrio che esalti l'armonia della figura. Si attribuisce a Kalamis il Poseidone di Capo Artemisio in atto di lanciare il tridente: grandioso e realistico è, al pari dei Guerrieri di Riace , una delle rarissime figure bronzee greche in scala naturale pervenuteci. Sculture di Fidia come l'Apollo Parnopios e l'Anacreonte per l'Acropoli, e l'Anadoumenos per Olimpia, sottolineano il passaggio dallo stile severo al classico. Il Doriforo di Policleto stabilisce il canone delle proporzioni umane, piena trasformazione classica del kouros.
L'architetto e urbanista Ippodamo da Mileto dirige la costruzione del porto del Pireo di Atene: la tradizione gli attribuisce la concezione di città tracciate su assi ortogonali, con una distinzione tra aree sacre, pubbliche e private.

  • Evento: Inizio dei lavori del Partenone
  • Evento: Passaggio dallo stile severo a quello classico

Musica

Un testo cinese mostra come la scala cromatica (di 12 semitoni, detti liu) possa derivare da intervalli di quinta; in pratica è usata per trasporre scale pentatoniche in varie tonalità. Seguendo queste possibilità combinatorie è possibile infatti costruire ben 60 modi musicali. Ogni grado della scala è il punto di partenza per un modo e a ciascuno dei 12 semitoni è possibile riferire tutti i cinque modi di una scala pentatonica ottenendo così un totale di 60 modi. La conoscenza della storia musicale della Cina antica si basa sul Libro dei Documenti, composto tra il IX e il VII secolo a.C., appartenente al periodo della dinastia Zhou (ca. 1000-256 a.C.) e precedente di alcuni secoli l'avvento di Confucio . Il Confucianesimo svolgerà in seguito una parte importante nella rivalutazione della musica antica.

  • Evento: La pratica musicale in Cina

Scienza e tecnologia

La seconda metà del V sec.a.C. vede aumentare nel pensiero greco l'interesse per la medicina e per la costituzione del mondo fisico.
Ippocrate di Coo (ca.460-377 a.C.), considerato il padre della medicina, analizza le condizioni del corpo e della mente in termini di umori, ossia di secrezioni ghiandolari il cui squilibrio causa malattie. Egli sottolinea i fattori dietetici e igienici per il mantenimento della buona salute. Il suo famoso giuramento, così popolare fino ai giorni nostri, rappresenta il primo tentativo di codificare la deontologia professionale.
Democrito di Abdera (ca.460-370 a.C.) è il più importante dei cosiddetti filosofi atomisti : È il primo infatti che avanza una spiegazione in termini puramente quantitativi e non qualitativi della realtà, ritenendo che la materia sia composta da atomi di forma diversa, il cui vario aggregarsi spiega corpi e fenomeni.

  • Evento: La medicina di Ippocrate

420 a.C.

Storia nel mondo

La pace di Nicia dura solo tre anni, a causa della politica del nuovo capo dei democratici ateniesi, Alcibiade, che nel 417 a.C. si allea in funzione antispartana con Argo e nel 416 a.C. annette ad Atene l'isola di Milo. Nel 415 a.C. Alcibiade, con il pretesto di portare aiuti all'alleata Segesta contro Siracusa e Selinunte, salpa con un'imponente flotta alla volta della Sicilia, insieme a Nicia, contrario alla spedizione. Ma Alcibiade, richiamato in patria perché accusato di sacrilegio, ripara a Sparta. Nicia, nonostante i rinforzi inviatigli nella primavera del 413 a.C., è sconfitto nello stesso anno per terra sull'Assinaro, e per mare a Siracusa; fatto prigioniero, è giustiziato. In Grecia, Sparta occupa Decelea, sulla via che da Atene porta in Beozia. La situazione peggiora per Atene a causa dell'alleanza del 412 a.C. tra Sparta e la Persia; all'interno il colpo di Stato di Pisandro introduce l'oligarchia nel 411 a.C., ma, l'anno seguente, la controrivoluzione di Trasibulo restaura la democrazia, mentre l'esercito richiama Alcibiade. La flotta ateniese riporta ancora una serie di successi nella zona degli stretti e lungo la costa asiatica (411 e 408 a.C.) e vince alle Arginuse (406 a.C.). La condanna degli strateghi vittoriosi in tale battaglia mette Atene nelle mani di generali incapaci, mentre Sparta, guidata da Lisandro, riporta una vittoria decisiva a Egospotami (405 a.C.). Atene capitola nel 404 a.C.
Socrate (ca. 469-399 a.C.) è condannato a morte ad Atene nel 399 a.C.
Nel 399 a.C., al comando di Agesilao, Sparta attacca la Persia per liberare le città ioniche; Atene, Tebe e Corinto combattono contro l'Egemonia spartana (Guerra corinzia, 395-387 a.C.). Le ostilità si chiudono con la Pace di Antalcida fra Atene e Sparta (387 a.C.): Sparta ottiene l'egemonia, sotto il controllo dei Persiani.
Armiteo di Sais, unico re della XXVIII dinastia, riesce nel 404 a.C. a liberare l'Egitto dai dominatori persiani. La libertà è conservata per altre due dinastie indigene, la XXIX con capitale Sebennito e la XXX con capitale Mendes (entrambe nel Delta).
A partire dal 450 a.C., al culmine dell'Età del Ferro in Europa (periodo di La Tène) i Celti dall'Alto Reno e Alto Danubio migrano verso la Francia, la Spagna e l'Arcipelago Britannico.
In Cina la dinastia Chou si indebolisce nel lungo periodo detto degli Stati combattenti (475-221 a.C.). Le diverse signorie regionali (come i Sung, i Ch'i, i Ch'in) hanno ormai di fatto raggiunto una totale indipendenza e combattono ripetutamente tra di loro al fine di assicurarsi la supremazia su tutta la Cina.

  • Evento: 411 Ad Atene è instaurata l'oligarchia

Storia in Italia

Dal 406 al 396 i romani conducono e portano a termine vittoriosamente con Furio Camillo la guerra contro la città etrusca di Veio. Però, intorno al 400 le popolazioni celtiche dei Galli invadono l'Italia e si stabiliscono nella Pianura Padana. Dopo avere sconfitto i Romani sull'Allia nel 387, nel 390 i Galli di Brenno assediano il Campidoglio e mettono la città a ferro e fuoco per sette mesi, fino a ritirarsi solo dopo il pagamento di un riscatto. Nel 380 la città è ricostruita e cinta da poderose mura attorno ai sette colli.

  • Evento: Invasione dei Galli

Religione e filosofia

La ricerca filosofica di Socrate (Atene, ca. 470-399 a.C.) e la sua pratica educativa si iscrivono nell'ambito dell'esperienza dei sofisti. A differenza di questi ultimi, però, egli fa uso dell'ironia, o dubbio metodico, che porta l'interlocutore a dubitare di ciò che prima riteneva certo. Socrate professa la sua ignoranza, non offre la verità ma induce i discepoli a ricercarla in se stessi grazie alla maieutica, l'arte della levatrice (sua madre era levatrice). Attraverso il principio del conosci te stesso, l'uomo, indagando scopre il fine al quale è destinato (il bene) e le facoltà di cui è dotato per raggiungerlo: la ragione. L'unica vera scienza per Socrate è la virtù, intesa come ricerca autonoma dei valori su cui la vita deve fondarsi.
Il più importante discepolo di Socrate è stato Platone (Atene, ca. 428-347 a.C.) la cui intera speculazione si può intendere come un continuo approfondimento interpretativo del pensiero di Socrate, l'interlocutore principale di molti dialoghi e portavoce della filosofia originale di Platone stesso. Il dialogo platonico rappresenta la sostanza stessa della sua filosofia e porta l'interlocutore, adeguatamente sollecitato, a riconoscere la verità. Nella "teoria delle idee" si raccoglie il nucleo centrale della speculazione platonica che ripropone la contraddizione parmenidea tra razionalità e sensibilità: l'essere reale, ciò che si presenta alla ragione come immutabile e permanente - al di fuori della variabilità delle cose reali nelle quali si concretizza - è l'idea.

  • Evento: La filosofia di Socrate e di Platone

Letteratura

Aristofane (ca. 445-385), di cultura vasta e raffinata, compone 40 commedie tra le quali Gli Arcanesi, Le Nuvole, La Pace, Le donne al Parlamento, Lisistrata. Nella sua opera rappresenta in modo spietato il malcostume degenerato della democrazia ateniese e crea tipologie rimaste eterne nella sua perfezione assoluta, quali il contadino che conclude la pace per conto suo con gli Spartani o le donne che attuano lo sciopero dell'amore per costringere gli uomini alla pace. Amatissimo da Platone, sarà una ricca miniera per lo svolgimento dei suoi Dialoghi.
Platone (ca. 428-347), illustre filosofo greco, fonda la filosofia come virtù somma dell'uomo e la ricerca della verità, che è conoscibile, come massimo bene. La teoria delle idee e il pensiero dualistico, che sancisce irrimediabilmente la separazione fra natura e spirito, corpo e intelletto, stanno a fondamento di tutto il pensiero occidentale. Le opere di Platone consistono in una magistrale serie di dialoghi tematici in prosa, Apologia di Socrate, Critone, Menone, Fedone, Crizia, e altri, in cui l'autore racconta i percorsi che Socrate , maestro del sapere, compie attraverso il dialogo con gli amici, per giungere alla verità filosofica. Nella Repubblica, altro suo capolavoro, teorizza una società rigidamente divisa per funzioni e governata da saggi.
Senofonte (430-355) storico greco, compone 14 opere fra cui l'Anabasi, nella quale si racconta la disfatti dei Greci nella guerra contro Artaserse. Discepolo di Socrate, scrive la sua testimonianza sul maestro nell'Apologia di Socrate.

  • Evento: Opere di Aristofane, Platone e Senofonte

Arte e architettura

L'arte del periodo classico si apre in Grecia con l'egemonia di Atene tra le città-stato greche: la struttura politica democratica della città, la sua letteratura, e la scuola filosofica, si connettono direttamente con l'indagine laica sull'uomo che l'arte classica propone. Viene attuata una sorta di revisione dell'architettura tradizionale, con crisi dello stile dorico sostituito da quello ionico e corinzio: a Bassae, nel Tempio di Apollo Epikourios, Ictino introduce per la prima volta il capitello corinzio, che verrà usato soprattutto dai romani. Nella scultura, l'opera di Fidia si esaurisce e vi è la ripresa classica di Scopa e Prassitele, oltre all'opera di Lisippo che aprirà l'arte ellenistica; ha grande sviluppo la pittura, con Zeusi, Parrasio e Apelle , ma si esaurisce la produzione della ceramica dipinta. A Delfi è costruita la thólos di Marmaria, tipo edilizio con colonnato su pianta circolare. Nella produzione vascolare si afferma un nuovo gusto per la policromia, figure bianche o policrome sostituiscono quelle rosse, e ad Olinto , i primi mosaici in ciotoli testimoniano la nascita della nuova tecnica musiva. Con la conquista della città di Veio in Etruria da parte dei Romani, inizia la decadenza politica ed economica degli Etruschi che, perdendo i porti sul mare, allentano i contatti diretti con la Grecia.

  • Evento: Il periodo classico in Grecia

Musica

Il Ramayana (un libro di miti indù) registra i nove toni base associati alle scale della musica indiana intorno al 400 a.C., a pochi decenni dalla scomparsa di Buddha . Simile a quella greca, questa musica anticipa il raga. Le scale indiane sono fondate su tre intervalli sovrapposti (nella successione di circa un semitono, un tono scarso e un tono abbondante). La più importante di queste è la scala che si diparte dalla nota sa(dja) chiamata sa-grama (grama significa scala), che corrisponde approssimativamente all'harmonia frigia-greca, al modo dorico-gregoriano e alla moderna tonalità di re minore. Vi è una nota centrale, in questo caso sa(dja), e sono stabiliti rapporti di dissonanza e consonanza a seconda degli intervalli che si vengono a creare.


  • Evento: Le scale musicali indiane

Scienza e tecnologia

In Cina il ferro modellato appare attorno al 400 a.C. I fabbri cinesi, a differenza di quelli occidentali, sono capaci di fondere piccole quantità di ferro, aiutati dal contenuto in fosforo dei loro minerali che abbassa il punto di fusione. Ottengono per lo più una specie di ghisa, praticamente inutilizzabile per la sua fragilità data la tecnologia dell'epoca. Passeranno due secoli prima che i Cinesi possano produrre ferro soddisfacente. Nel frattempo essi sviluppano grandiose opere idrauliche di canalizzazione e regolazione dei fiumi. A scopo decorativo in Cina viene largamente usata per rivestire superfici la lacca orientale, una resina estratta dal Toxicodendron (Rhus) verniciflua, una pianta dell'ordine Terebintali , diffusa in Cina e Giappone.
Nel Messico la cultura Olmeca edifica imponenti piramidi a gradoni con tempio sommitale.

  • Evento: Lavorazione del ferro in Cina

380 a.C.

Storia nel mondo

Nel 377 a.C. Atene promuove la fondazione della seconda Lega delio-attica, contro Sparta. Atene e Sparta stipulano una tregua nel 371 a.C., ma Tebe si rifiuta di sottostare alle condizioni di Sparta. Il tebano Epaminonda sconfigge la fanteria spartana a Leuttra (371 a.C.), adottando la tattica dell'ordine obliquo. Tebe, con Pelopida ed Epaminonda assume il ruolo di potenza egemone in Grecia; i Tebani intervengono nello stesso Peloponneso, liberando la Messenia e l'Arcadia. Nel 369 a.C. Sparta e Atene si alleano contro Tebe, ma i Tebani sconfiggono i due alleati alla battaglia di Mantinea nel 362 a.C. La morte in combattimento di Epaminonda segna la fine dell'egemonia tebana. La Grecia è ora sotto la minaccia della nuova potenza macedone. Filippo II il Macedone (r. 359-336 a.C.) unifica la Macedonia e dalla Grecia settentrionale muove verso la penisola calcidica, cercando uno sbocco al mare, che conquista approfittando della seconda guerra contro i Focesi (356-346 a.C.). Filippo prende Pontidea, Metone, Stagira e Olinto; nel 352 a.C. conquista la Tessaglia; nel 348 a.C. l'Eubea si stacca da Atene. Dopo la pace di Filocrate con Atene nel 346 a.C., Filippo sconfigge i Focesi e entra a far parte dell'Anfizonia delfica. Nel 343-342 a.C. occupa la Tracia.
L'Impero persiano è scosso da rivolte e molte satrapie si sollevano per ottenere l'indipendenza. Il re Artaserse III (r. 359-338 a.C.) ristabilisce l'autorità reale, ripristina il potere persiano in Egitto nel 343 a.C. e pone fine all'ultima dinastia locale di faraoni.

  • Evento: 377 Fondazione della Lega delio-attica contro Sparta
  • Evento: 359 Unificazione ed espansione macedone con Filippo II

Storia in Italia

Nel 366-67 sono promulgate le leggi Licinie-Sestie , che portano alla formazione di una casta di alti funzionari aperta sia ai patrizi sia ai plebei.
Nel 358 viene stipulato un nuovo trattato tra i Romani, i Latini e gli Ernici contro i Galli; allo stesso scopo nel 354 viene conclusa un'alleanza fra i Romani e i Sanniti, che a loro volta hanno velleità espansionistiche. Nel 348 Roma conclude un secondo trattato con Cartagine, con cui il Mediterraneo occidentale è proibito ai Romani, ma è libero il commercio con Cartagine e la Sicilia. Dal 343 al 341 la prima guerra sannitica si conclude con un nulla di fatto.

  • Evento: 358 Alleanze contro i Galli

Religione e filosofia

La scuola cinica viene fondata ad Atene e il suo nome deriva dal fatto che, nel disprezzo di ogni mondanità, gli accoliti conducevano una "vita da cani", vita randagia e indifferente a i bisogni. Sulla scia del loro maestro Antistene, erano scettici in gnoseologia e criticavano la dottrina platonica delle idee. Alla felicità conduce non tanto il sapere, ma l'agire pratico; la virtù consiste nell'assenza di bisogni, nella libertà dagli istinti; tutto il resto: ricchezza e onori, Stato e patria non deve distrarre il singolo dal conseguimento della virtù. Il più celebre tra i cinici è Diogene di Sinope.
Nella storia del pensiero greco Aristotele (Stagira, 384-322 a.C.) eccelle come uno degli intelletti più alti, capace di dissertare in tutti i rami dello scibile e di organizzarli in una solida struttura unitaria che resiste ai secoli, informando la cultura dell'Occidente. Discepolo di Platone , Aristotele afferma che ogni cosa è un composto (sinolo) di materia e di forma, e la forma è appunto l'eîdos, la specie; essa opera dentro la materia alla quale è immanente: l'idea è sempre immanente al processo che essa stessa mette in moto, col concorso della natura o della creatività umana. In virtù dell'intelletto l'uomo, il cui comprendere è legato agli organi di senso corporei, da cui riceve le informazioni sensibili, si leva ai concetti universali.

  • Evento: La scuola cinica
  • Evento: La filosofia di Aristotele

Letteratura

Aristotele (384-322 a.C.), discepolo di Platone, si allontana dal suo maestro e getta le basi della ricerca filosofica come indagine razionale della realtà attraverso la logica, strumento metodologico. La ricerca della verità è scienza e come tale necessita di un metodo che può essere definito dalla logica; l'idea platonica si radicalizza nella netta separazione tra materia e forma. Alla sistematizzazione scientifica del sapere non sfugge l'attività letteraria, le sue forme, i suoi generi, in particolare il teatro classico, che vengono catalogati, definiti e regolati nella Retorica e nella Poetica. Tali regole saranno vincolanti per tutta la letteratura a venire.
Demostene (ca. 383-322 a.C.), oratore e uomo politico greco, esecita l'attività di logografo (oratore giudiziario) in processi pubblici e privati. Nella famosa orazione Per la corona, traccia un bilancio di tutta la sua azione politica, dedicata alla difesa della patria: Nelle Filippiche, Demostene, capo del partito antimacedone, si fa coscienza critica della città di Atene.

  • Evento: Opere di Demostene

Arte e architettura

Ad Atene si sviluppa l'illusionismo nella pittura, suscitando condanna platonica dell'arte che rappresenterebbe le cose come appaiono anziché come sono effettivamente. Prassitele scolpisce l'Afrodite Cnidia, nota da copie e primo nudo femminile a scultura in grandezza naturale dell'arte occidentale; per sostenere le morbide pose oblique delle sue figure lo scultore introduce pali o alberi con funzione di sostegno. Euphranor scolpisce l'Apollo Patroos per l'Agorà, studiando un nuovo canone proporzionale con membra più slanciate rispetto alle misure stabilite da Policleto; ne risulta però una sproporzione tra la testa e le gambe, condannata dagli antichi. Ad Alicarnasso, Scopa scolpisce il rilievo dell'Amazzonomachia per il Mausoleo di Alicarnasso, innalzato da Artemisia per il marito Mausolo di Caria, espressione del fasto e del gigantismo asiatici, considerato una delle meraviglie del mondo. Opera di Satyros e Pytheos, constava di un alto basamento ornato di rilievi, su cui era eretta una cella ionica con statue e leoni, sorreggente una piramide a scalini coronata da una quadriga. Ad Epidauro il Teatro, costruito da Policleto il Giovane , realizza la forma tipica del teatro greco classico: orchestra circolare o semicircolare con altare al centro, scena retrostante, cavea a gradinate per gli spettatori; la disposizione a tronco di cono sviluppa un'acustica perfetta.
A Roma, la collocazione di due statue dedicate ai greci Pitagora ed Alcibiade, ai lati del Comizio del Foro, documenta la soggezione della cultura romana ai modelli greci.

  • Evento: Costruzione del Mausoleo di Alicarnasso

Musica

Aristosseno, figura di grande teorico discepolo di Aristotele, elabora le sue concezioni tra il IV e il III secolo a.C., trascrivendole nella sua opera Harmonica, libro particolarmente significativo come testimonianza sulla pratica musicale della Grecia antica. Alla base della sua concezione sono i fondamenti fisico/matematici di derivazione pitagorica, che lasciano in secondo piano l'analisi del carattere etico della musica che aveva interessato l'Atene classica, il suo stesso maestro Aristotele e Platone . Frutto del suo lavoro è un Systema teleion (sistema perfetto) che sulla base dei tetracordi giunge alla classificazione speculativa, sull'arco di due ottave, di note, intervalli e scale. A questo sistema appartengono i tonoi, cui sono attibuiti (come già alle più antiche harmoniai) nomi derivati dalle tribù greche.

  • Evento: Aristosseno e le sue teorie musicali

Scienza e tecnologia

Eudosso di Cnido (ca.408-355 a.C.) cerca di dare sistemazione geometrica all'idea pitagorica e platonica che la Terra, rotonda, sia al centro di sfere concentriche portanti le stelle fisse, i pianeti, il Sole e la Luna. Con il metodo di esaustione anticipa il calcolo infinitesimale.
Il pensiero filosofico e scientifico greco trova la sua più alta espressione in Aristotele di Stagira (384-322), che si interessò in modo sistematico di quasi tutte le scienze, dalla zoologia alla fisica, dalla meteorologia alla cosmologia. Le sue vedute saranno ritenute il fondamento di ogni conoscenza per circa 2000 anni, ed anche nella teologia tardomedievale avranno grande fortuna il suo metodo e il suo linguaggio. L'ipotesi pitagorica e platonica, sostenuta anche da Eudosso e adottata da Aristotele, che i corpi celesti si muovano in cerchi perfetti, resisterà fino al sec.XVII.

  • Evento: Il pensiero filosofico di Eudosso di Cnido

340 a.C.

Storia nel mondo

Filippo il Macedone batte i Greci della Lega ellenica, creata nel 340 a.C., alla battaglia di Cheronea del 338 a.C. Nel 337 a.C. si istituisce la Lega di Corinto che unisce sotto l'autorità di Filippo tutte le città greche eccetto Sparta. Viene decisa la guerra contro la Persia, ma Filippo è assassinato nel 336 a.C. Alessandro Magno (336-323 a.C.) eredita il regno a soli venti anni. Per prima cosa, mette al sicuro la sua autorità in Grecia, distruggendo Tebe e riducendone schiavi gli abitanti. Poi parte per la spedizione contro la Persia nel 334 a.C. Vince al Granico e assoggetta l'Asia Minore; nel 333 a.C. sconfigge Dario III di Persia (che muore nel 330 a.C.) a Isso nel 333 a.C.; tra il 332 e il 331 a.C. conquista Siria, Fenicia, Palestina ed Egitto. In Egitto fonda Alessandria e i sacerdoti del santuario dell'oasi di Siwa lo riconoscono figlio del dio Zeus Ammone. Forte della sua tattica militare, che si distingue per la compatta falange dei fanti armati di lunghe lance e per lo schieramento obliquo in battaglia, Alessandro batte di nuovo Dario a Gaugamela e occupa la Mesopotamia. A Babilonia assume il titolo di gran re e adotta il cerimoniale persiano, provocando l'opposizione dei Macedoni, che disapprovano la deificazione del re. Molti oppositori vengono giustiziati. Nel 329 a.C. Alessandro soggioga la Persia orientale. Tra il 327 e il 325 a.C. conduce una spedizione in India, inseguendo il sogno di una signoria mondiale: sconfigge il re indiano Poro all'Idaspe, poi discende lungo l'Indo e fa ritorno in Mesopotamia. Progetta di fondere i Macedoni e i Persiani in un unico popolo e incoraggia i matrimoni fra i suoi ufficiali e le nobili persiane; egli stesso sposa la figlia di Dario. Il suo progetto di un grande Impero universale è interrotto dalla sua morte improvvisa a Babilonia nel 323 a.C., a soli 33 anni, mentre preparava nuove spedizioni in Occidente.
Si apre fra i Diadochi , i Grandi dell'Impero, un'aspra lotta per la successione, finché nel 306 a.C. l'unità dell'Impero ha fine. Nel 301 a.C. sorgono quattro regni: Tracia e Asia Minore vanno a Lisimaco, Macedonia e Grecia a Cassandro, Asia Minore orientale a Seleuco, l'Egitto a Tolomeo. La dominazione tolemaica in Egitto è nel complesso una lunga stagione di pace e prosperità, che termina dopo tre secoli, nel 31 d.C. I Tolomei adottano i rituali dei faraoni e se ne proclamano eredi; accettano anche le divinità degli Egizi, ma le due popolazioni non si fondono. Viene fondata la famosa biblioteca di Alessandria.
Candragupta Maurya (320-295 a.C.) della dinastia Maurya, costituisce il primo grande Impero indiano, ampliando il Magadha, Stato di cui è originario, e affermandosi contro Seleuco I Nicatore, diadoco re di Mesopotamia e Persia.

  • Evento: 336 Inizia il regno di Alessandro Magno
  • Evento: 323 Alessandro Magno muore improvvisamente

Storia in Italia

Roma, alleata coi Sanniti, sconfigge i Latini ribellatisi (340-338 a.C.) e scioglie la Lega Latina. Nel 326 è conquistata Priverno e assoggettati i Volsci. Nel 326 inizia la seconda guerra contro i Sanniti, alla fine piegati (304), nonostante l'umiliante sconfitta delle Forche Caudine (321). L'egemonia di Roma si estende alla Campania, dove i Sanniti possono conservare la propria autonomia, ma rinunciare a ogni pretesa di espansione. Contemporaneamente è iniziata la costruzione della via Appia per collegare Roma a Capua. È del 306 il terzo trattato di Roma con Cartagine.

  • Evento: Le conquiste di Roma

Religione e filosofia

Zenone nasce a Cizio (335-263 a.C.), nell'isola di Cipro. Trasferitosi ad Atene fonda una scuola che dal luogo dove insegnava il portico (stoà ) viene chiamata stoica. Originale e importante del suo pensiero è l'etica fondata sulla convinzione che l'unico vero bene è la virtù e l'unico vero male è la debolezza morale; tutto il resto: povertà, dolore, morte è indifferente per il saggio, a cui nessuno può togliere i suoi beni interiori.
Il pensiero di Epicuro di Samo (341-270 a.C.) ci è noto attraverso i suoi discepoli. Scopo della filosofia, come disciplina e come atteggiamento di vita, è il raggiungimento della felicità. Questa s'identifica nella liberazione dalle passioni, dai desideri, dalle opinioni incerte e mutevoli. L'epicureismo abbandona la ricerca speculativa fine a se stessa e si ripiega sull'interiorità dell'uomo la cui ignoranza è alla base della paura degli dei e della morte; la libera serenità del saggio è data dalla conoscenza di se stesso e delle leggi della natura. Questi raggiunge così la pace interiore, o atarassia, che è lo scopo finale della ricerca speculativa.
Mencio, pensatore cinese (372-289 a.C.), è considerato il continuatore di Confucio o il secondo "santo" dei confuciani. Fu il sistematore del confucianesimo; la sua opera, il cosiddetto Libro di Mencio, costituisce uno dei "Quattro libri classici" del canone confuciano. La sua dottrina religiosa è volta a riconoscere nella pratica quotidiana, o nella storia, gli attributi divini di T'ien, l'essere supremo dell'antica tradizione cinese.

  • Evento: La filosofia di Zenone e di Epicuro

Letteratura

Menandro (ca. 342-292 a.C.) è il migliore esponente della commedia nuova. Si tratta di commedie di costume con personaggi fissi che trattano situazioni quotidiane. Scrive il Misantropo, Gli arbitri, La donna di Samo.
Callimaco (310-240 ca.), poeta alla corte di Tolomeo II, lavora alla Biblioteca di Alessandria. Compone un catalogo ragionato dei poeti greci Tavole, e una disamina delle origini della poesia greca, Aitia.

  • Evento: La commedia nuova

Arte e architettura

La pittura ha un intenso sviluppo in questi anni in Grecia, prediligendo temi come l'idillio mitologico e le scene di genere; nascono la pittura su cavalletto, l'encausto e il ritratto veridico e attento alla psicologia del volto, con opere come il Socrate di Lisippo e il Ritratto del pugile Satyros di Elide di Silanion. Si esaurisce l'arte della ceramica dipinta, ed i vasi sono colorati di nero. Lisippo esegue l'Apoxiomenos, noto da copie, in cui modifica il canone di Policleto , rendendo la figura più slanciata e con la testa più piccola. Il prestigio dei pittori è attestato dai rapporti familiari con i più potenti sovrani, mentre a Roma l'attività artistica è considerata ancora "manuale" e quindi vile.
Massimo sviluppo della civiltà celtica nella Gallia Nordorientale e nella Germania Meridionale si ha nel periodo di La Tène , con urbanistica progredita, case in mattoni su zoccoli di pietra e tombe a carro.
Alessandro Magno conquista l'Egitto, dove s'instaurerà la monarchia indipendente dei Lagidi e dei Tolomei, sino alla conquista romana nel 30 a.C., e in Palestina nasce l'arte giudaica dall'incontro tra la cultura ellenistica e il giudaismo, con esclusione, per un divieto religioso, della rappresentazione di immagini umane.
La fondazione della città di Antiochia in Siria, da parte di Seleuco I Nicatore inaugura la rinascita dell'arte in Siria, di ambito ellenistico.

  • Evento: Grande sviluppo della pittura in Grecia

Musica

L'invasione di Alessandro Magno (327-325 a.C.) porta in India nuovi strumenti e una teoria musicale più sviluppata. L'introduzione del liuto (avvenuta intorno al 300 a.C.) e le nuove teorie influenzano sensibilmente la musica indiana. Dall'occidente arriva in India, in tempi diversi, una serie di strumenti tra cui la doppia shanai (un oboe doppio, probabilmente derivato dagli Arabi). Fra gli strumenti autoctoni rimangono il tamburo e il flauto, di antichissima tradizione.

  • Evento: I nuovi strumenti musicali in India

Scienza e tecnologia

Al seguito di Alessandro Magno, discepolo di Aristotele, le conoscenze scientifiche persiane e indiane entrano in stretto contatto con quelle del mondo greco.
Accanto ai quattro elementi primordiali già proposti da Empedocle per spiegare i fenomeni del mondo fisico, Aristotele pone un quinto elemento, l'etere, e quattro qualità, caldo, secco, freddo e umido. Il sistema conoscitivo rappresentato dagli elementi e dalle loro qualità, suddivise in gradi crescenti, sarà ritenuto soddisfacente fino al secolo XVII.
Tra i seguaci di Aristotele spicca Teofrasto (372-287 a.C.) che scrive opere scientifiche sulle piante e sui minerali, le prime di questo genere.
Epicuro di Samo (342-270 a.C.) propone una teoria atomica simile a quella di Democrito , ammettendo però per le particelle la possibilità di cambiare percorso.

  • Evento: Il mondo fisico secondo Aristotele

Sapere consiglia...

Sapere.it è anche su Facebook!

Entra a far parte anche tu della nostra community!

DeAbyDay.tv

Guide e video consigli per imparare a fare quasi tutto!