Càsola Valsènio

Indice

comune in provincia di Ravenna (60 km), 195 m s.m., 84,40 km², 2844 ab. (casolani), patrono: santa Lucia (13 dicembre).

Centro sulla sinistra del torrente Senio. Nel territorio è stato rinvenuto materiale del Neolitico. Il primitivo borgo sorse attorno a un castello del sec. XII. Il paese, distrutto dai faentini nel 1216, fu riedificato a valle nella posizione attuale. Conteso da faentini, imolesi e bolognesi, appartenne a Cesare Borgia e a Venezia. Nel 1509 passò allo Stato Pontificio. La chiesa di San Giovanni Battista conserva nelle pareti e nell'abside resti di una chiesa romanica del sec. X, e nell'archivio documenti databili dal 1382. § L'economia si suddivide tra l'agricoltura (frutteti e vigneti) e l'industria, attiva nei settori della produzione di manufatti per l'edilizia in gesso (estratto dalle numerose cave del territorio), dell'abbigliamento e della lavorazione di erbe officinali e aromatiche. È importante l'artigianato del ferro battuto.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora