Capéce

(originariamente Cacapice). Antica famiglia di Sorrento, stabilitasi a Napoli all'epoca di re Manfredi. Devota agli Svevi e per ciò perseguitata dagli Angioini, riacquistò in seguito influenza e autorità grazie anche alla sua unione a varie casate (Bozzuto, Galeota, Latro, Minutolo, Piscitelli, Zurlo, ecc.) con le quali formò un nuovo organismo familiare unito da innumerevoli interessi e legami e dall'unico nome Capece assunto da tutte. Tra i suoi membri più famosi: Corrado (m. 1270), signore d'Atripalda, combatté a Benevento (1266) e sollevò la Sicilia contro gli Angioini, ma fu fatto prigioniero e ucciso da Guglielmo l'Estendart. Antonio (m. 1545), studioso e insegnante di diritto civile e feudale, fu consigliere di Ferdinando il Cattolico e di Carlo V. Lasciò una raccolta di Decisiones giuridiche. Scipione (m. 1551), umanista e giureconsulto, fu l'ultimo presidente dell'Accademia Pontaniana. Venne bandito da Napoli per aver aderito alle dottrine di J. de Valdés e B. Ochino. È autore del poema De principiis rerum (1546), composto sul modello del De rerum natura di Lucrezio, del quale però Capece critica la dottrina atomistica.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora