Fùcino, àlveo del-

vasta conca dell'Abruzzo, nella Marsica, estesa tra i monti Simbruini a W e i monti del Sirente a E, occupata in passato da un lago (lago Fucino o di Celano, con superficie di ca. 165 km², profondo al massimo 22 m e situato a 669 m s.m.) che, per la mancanza di emissari naturali visibili, aveva un regime estremamente irregolare, con forti oscillazioni (fino a 12 m) del livello delle sue acque. Il prosciugamento del bacino, progettato già da Giulio Cesare, fu attuato dall'imperatore Claudio che, nel 52, fece scavare una condotta sotterranea lunga 5653 m che convogliava le acque del Fucino nel fiume Liri. Nel Medioevo il canale cessò di funzionare e il Fucino tornò a essere un lago chiuso dal regime irregolare. Dopo vari tentativi successivi, nel 1852 fu sottoscritta, per interessamento del duca A. Torlonia, un'apposita società per azioni; furono scavati un condotto di scarico, lungo 6342 m, che seguiva l'andamento del precedente, ma con una presa più bassa, e numerosi canali d'irrigazione distanti tra loro ca. 1 km. Oggi il comprensorio del Fucino è intensamente coltivato (barbabietole da zucchero, cereali, legumi, ortaggi) e molto popolato; sono assai sviluppate anche le industrie alimentari (zuccherifici, caseifici) e dei laterizi, per lo più concentrate ad Avezzano. La zona industriale trae incremento dalla presenza di una diramazione della A24 Roma-L'Aquila-Teramo. Ospita un importante centro per i servizi di telemetria e la gestione dei centri di controllo per i satelliti commerciali in orbita nonché per la ricezione e il trattamento di dati trasmessi a terra dai satelliti stessi. § La zona dell'antico lago fu popolata fin dal Paleolitico, a cui risalgono i resti rinvenuti soprattutto in alcune cavità, tra cui la grotta La Punta e la grotta Riparo Maritza. Interessanti le vestigia mesolitiche qui presenti con reperti di aspetto particolare e resti fossili umani. Dall'Eneolitico fino all'Età del Bronzo finale le sponde del Fucino furono intensamente popolate; il rinvenimento di ricchi oggetti in bronzo (soprattutto armi) testimonia sia il grado di sviluppo dell'industria metallurgica, sia il sorgere di ceti sociali egemoni.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora