Kaspar Hauser

in etologia viene talvolta definito in tal modo un animale allevato in completa assenza di esperienze. Il termine deriva dal nome di un ragazzo di origini ignote trovato a Norimberga nel 1882, incapace di parlare e quasi di camminare, il quale, dopo aver imparato a parlare, raccontò di aver vissuto sempre isolato e al buio. In pratica si possono ottenere dei Kaspar Hauser parziali, in quanto ogni animale, sia pur isolato fin dalla nascita, tenuto al buio e in un ambiente privo di stimoli sonori, potrà comunque fare esperienze almeno sul proprio corpo. I Kaspar Hauser permettono da un lato lo studio dei turbamenti del comportamento normale provocati dall'isolamento prolungato a partire da età precoci, dall'altro lo studio delle manifestazioni comportamentali non attribuibili ad apprendimento per imprinting o per imitazione dei conspecifici.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora