Lòi, Franco

poeta italiano (Genova, 1930). Di famiglia sarda trapiantata a Milano nel 1937, ha assimilato perfettamente il dialetto milanese, usato nelle sue poesie, in una originale tessitura, ricca di contaminazioni gergali, manipolazioni, arcaismi e neologismi. Tra le sue raccolte più note vanno citate I cart (1973), Poesie d'amore (1974), Stròlegh (1975), Teater (1978), Liber (1988) e Umber (1993). Nel romanzo in versi L'angel (1995), ha percorso la storia italiana dagli anni Trenta alla strage di piazza Fontana, raccontata in un dialetto milanese che riesce a fornire una forma appropriata alla mutevole materia dell'inconscio. Nella raccolta di poesie Amur del temp (1999) Loi ha rappresentato in modo visionario una sorta di sospensione della dimensione temporale, lontana dalla frenesia della società occidentale contemporanea. In Isman (2002) si percepisce, nell'alternarsi dell'invettiva e dell'humor, una possibile armonia tra le vicende felici e quelle drammatiche dell'esistenza. Tra le opere più recenti si ricordano Aquabella (2004) e I niul (2012). 

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora