Maurènsig, Pàolo

scrittore italiano (Gorizia 1943). Agente di commercio a Udine, ha esordito come autore a cinquant'anni, con grande successo di pubblico e significativi consensi critici, con La variante di Lüneburg (1993). Prendendo spunto da una partita di scacchi, simbolo di una sfida definitiva, il racconto è un resoconto delle nefandezze delle persecuzioni naziste contro gli Ebrei e degli orrori delle tragedie consumatesi all'interno dei lager. Nel successivo Canone inverso (1996), costruito secondo la tecnica del racconto nel racconto che contribuisce a creare suspense e a confondere i punti di vista, il violino ha la funzione di ideale filo conduttore e strumento di evocazione sentimentale. Nel 1998 ha pubblicato L’ombra e la meridiana, un romanzo la cui stesura risale a venticinque anni prima e che, rimasto inedito, Maurensig ha poi deciso di dare alle stampe. Sempre nel 1998 è uscito Venere lesa, un libro in cui l'autore ha affrontato, con la naturalezza di una scrittura veloce e febbrile, il tema dell'amore, i suoi trasalimenti e le pazzie, immersi in un groviglio di mondi di solitudine che si sfiorano prima del breve addio dal sapore di morte. Ne L'uomo scarlatto (2001), attraverso una vicenda inquietante, ha affrontato il tema dell'immortalità con un approccio anche filosofico. Nel 2003 ha pubblicato Il guardiano dei sogni e nel 2006 Vukovlad. Nel 2009 è uscito La tempesta - Il mistero di Giorgione, nel 2010 L'oro degli immortali, nel 2012 L'ultima traversa, nel 2013 L'arcangelo degli scacchi - vita segreta di Paul Morphy, nel 2014 Amori miei e altri animali, nel 2015 Teoria delle ombre, nel 2018 Il diavolo nel cassetto e nel 2019 Il gioco degli dèi. 

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora