Róssi, Vasco

cantautore italiano (Zocca, Modena, 1952) . La fama di artista ribelle e trasgressivo non intralcia la sua capacità di gestire in modo intelligente e attento la propria carriera: le partecipazioni al Festival di Sanremo (Vado al massimo, 1982 e Vita spericolata, 1983) e al Festivalbar (vince nel 1983, 1998 e 2001) lo proiettano nell'olimpo della musica italiana. La sua popolarità deriva da composizioni che alternano ritmi rock a ballate struggenti, quasi poetiche (tra tutte spicca Albachiara). Tra i suoi album più rappresentativi: Non siamo mica gli americani (1979), Colpa d’Alfredo (1980), Siamo solo noi (1981), Vado al massimo (1982), Bollicine (1983), Va bene, va bene così (1984), C'è chi dice no (1987), Liberi liberi (1989). Gli spari sopra (1993). I suoi ultimi lavori, Stupido Hotel (2001) e Buoni o cattivi (2004), hanno confermato la sua popolarità. Nel 2007 esce il mini cd Vasco Extended Play con la cover di L. Battisti, La compagnia; nel 2008 esce l'album Il mondo che vorrei e nel 2011 Vivere o niente. Nello stesso anno esce il singolo I soliti, presente anche nel docufilm dedicato alla sua vita Questa storia qua, diretto da S. righetti e A. Paris. Nel 2012 ha pubblicato due album: L’altra metà del cielo e Live Kom 011: the complete edition, mentre nel 2014 esce l’album Sono innocente. Nel 2016, in occasione dei quarant’anni di carriera esce Vascononstop, una raccolta di 69 brani storici e 4 inediti. Per celebrare i 40 anni di carriera, il primo luglio 2017 ha tenuto il concerto evento Modena Park 2017, che con 225173 spettatori ha registrato il record  di maggior numero di spettatoti paganti per un concerto musicale. Vasco Rossi è inoltre l’unico artista ad essersi esibito per 6 volte allo stadio San Siro di Milano, l’ultima delle quali nel 2019.
Vasco Rossi ha pubblicato anche tre libri: La versione di Vasco nel 2011; XL 40 anni di canzoni (con i miei commenti) nel 2017, opera celebrativa del quarantennio di carriera musicale; e Nonstop, instant book scritto in collaborazione con il giornalista  M. Monina, nel 2019. Il 21 dicembre 2020 ottiene il Premio Tenco alla carriera. Nel gennaio 2021 esce Una canzone d'amore buttata via, primo singolo estratto dall'albun in uscita nel novembre dello stesso anno.