gelóne (medicina)

sm. [sec. XVII; da gelo]. Dermatite eritematonodulare (detta anche eritema pernio) provocata dal freddo, con sede elettiva nelle regioni distali degli arti. Può avere un decorso acuto con dolore e prurito nelle zone colpite, che assumono un colore bluastro-vinoso con edema e screpolature; dopo una o due settimane si ha la guarigione e una residua pigmentazione brunastra. Se il decorso è cronico, la sintomatologia è costituita da dolori e prurito nelle sedi colpite, rossore con lieve edema, cianosi e vescicole, talora ulcerazioni emorragiche nelle regioni malleolare e achillea; dopo 3-4 settimane si ha la guarigione con residua pigmentazione bruna. La terapia consiste nel proteggere le estremità dal freddo con indumenti adeguati, spalmando preventivamente le regioni più esposte con pomate revulsivanti. È importante il riscaldamento locale, ma la temperatura utilizzata non deve superare i 43 ºC perché i tessuti sono anestetizzati e quindi suscettibili di scottature. L'intorpidimento e la microcircolazione possono essere migliorati soprattutto con l'uso corretto di antiaggreganti piastrinici ed è importante cercare di evitare le infezioni locali, tenaci per la diminuita difesa distrettuale.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora