platèa

Indice

sf. [sec. XVI; dal latino platēa, strada spaziosa, piazza, dal greco platêia, f. di platýs, largo, ampio].

1) Parte piana e più bassa delle moderne sale teatrali o in genere da spettacolo, posta dinnanzi al palcoscenico o allo schermo e destinata agli spettatori. Per estensione, gli spettatori stessi o in genere il pubblico cui una qualsiasi rappresentazione è destinata: gli applausi della platea riempivano il teatro; sondare le preferenze della platea televisiva.

2) Nelle costruzioni edili, fondazione continua estesa all'intera area di una costruzione. Realizzata di norma in cemento armato, sotto forma di un unico solettone o anche di travi, solai rovesci o solette nervate, viene impiegata in terreni di limitata resistenza per ridurvi la pressione unitaria, ripartendo i carichi soprastanti sulla maggiore superficie possibile.

3) In marina, superficie del fondo di un bacino di carenaggio; in particolare platea delle caldaie, la parte inferiore della camera di combustione, generalmente costituita con mattoni refrattari e a volte refrigerata con una schiera di tubi percorsi dall'acqua.

4) Vasta area elevata del fondo marino con sommità tabulare, detta anche plateau suboceanico.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora