Un nuovo orizzonte storico

Introduzione

La storia del Settecento è sostanzialmente una lenta crisi dell'Antico regime nobiliare. La monarchia spagnola è in pieno declino; la monarchia francese dalla Reggenza a Luigi XVI vive in una contraddizione senza via d'uscita. Solo la monarchia costituzionale inglese rafforza il suo potere e la sua forza economica. L'impero asburgico estende l'egemonia sull'Italia e diventa la maggiore potenza europea. La laicizzazione, la necessità di espansione economico-culturale sono elementi che spiegano la volontà di comunicazione tipica di questi anni. L'Italia, priva di autonomia politica e largamente dipendente dall'Austria, sente maggior disagio rispetto ad altre nazioni che si vanno sviluppando. Il problema vero dei nostri intellettuali è come mantenere la cultura italiana al passo di quella europea , cercando una mediazione che non ci separi dall'antica tradizione umanista e sappia confrontarsi con il razionalismo europeo ampiamente diffuso. La riforma del linguaggio poetico operata dall'Arcadia appare come una reazione al barocco.