Questo sito contribuisce alla audience di

Anfòssi, Augusto

patriota italiano (Nizza 1812-Milano 1848). Artigliere dell'esercito piemontese, in seguito alla cospirazione del 1831 fu costretto a rifugiarsi nella legione straniera. Nel 1833 era in Egitto, istruttore delle truppe, e nel 1839 batteva i Turchi. Dopo aver vagato per l'Europa vendendo armi antiche, giunse a Milano nel 1848; dal 15 al 18 marzo operò per la sollevazione dei Milanesi, si fece eleggere capitano della guardia civica e dimostrò di essere uno degli eroi più temerari delle Cinque Giornate. Il 20 marzo ottenne il comando di tutte le forze insurrezionali e il giorno successivo cadde nell'assedio del palazzo del Genio.