Questo sito contribuisce alla audience di

Bèzzi, Ergisto

patriota italiano (Cusiano, Trento, 1835-Torino 1920). Garibaldino, nel 1862 conobbe Mazzini e sotto la sua spinta volle organizzare un moto insurrezionale nel Trentino in accordo con Garibaldi. La rivolta non andò oltre una modesta azione eversiva sedata facilmente dai carabinieri. Bezzi subì un mese di carcere, poi tornò a combattere con Garibaldi a Bezzecca e a Mentana. Nel 1890 rifiutò l'elezione a deputato per non giurare fedeltà al re.

Media


Non sono presenti media correlati