Questo sito contribuisce alla audience di

Cunhal, Álvaro

uomo politico portoghese (Coimbra 1913-Lisbona 2005). Aderì fin dal 1931 al PCP (Partito Comunista Portoghese) del cui movimento giovanile divenne segretario nel 1935. Ripetutamente incarcerato per la sua attività politica (1937-38; 1940; 1949-60), nel 1960 riuscì a evadere riparando all'estero e l'anno successivo fu nominato segretario generale del PCP clandestino. Rientrato in patria dopo la caduta della dittatura (aprile 1974), era ministro senza portafoglio sino al 1975. Eletto ripetutamente deputato (1975-87), nel 1983 diventava membro del Consiglio di Stato. Segretario del PCP fino al 1992, manteneva sempre posizioni filosovietiche, rimanendo fedele all'ortodossia marxista-leninista anche dopo il crollo del comunismo in URSS.

Media


Non sono presenti media correlati