Questo sito contribuisce alla audience di

Ferri, Mauro

uomo politico e giudice costituzionale italiano (Roma 1920). Laureato in giurisprudenza, nel secondo dopoguerra iniziò la sua militanza nel Partito socialista italiano divenendo deputato nel 1953 e capogruppo nel 1963. Profondamente impegnato nel tentativo di unificazione tra PSDI e socialisti, diventava segretario dei socialdemocratici dal 1969 al 1972 e ricopriva l'incarico di ministro dell'Industria dal 1972 al 1973. Ingiustamente coinvolto nello “scandalo dei petroli”, era eletto parlamentare europeo nel 1979 e nel 1987 nominato alla Consulta dal presidente della Repubblica F. Cossiga. Il 23 ottobre 1995 sostituiva Vincenzo Caianiello alla presidenza della Corte Costituzionale. Lasciava l'incarico il 3 novembre 1996, sostituito da Renato Granata.

Media


Non sono presenti media correlati