Questo sito contribuisce alla audience di

Giùnio Basso

(latino Iuníus Bassus), console romano del sec. IV d. C. il cui nome è legato alla basilica costruita sull'Esquilino, nella quale sono conservate alcune pregevolissime tarsie marmoree policrome (Museo Nazionale Romano e Musei Capitolini) . Per un altro Giunio , praefectus urbi dal 358 al 359, fu costruito il sarcofago (Grotte Vaticane), datato dall'iscrizione al 359, che presenta in dieci edicole figurazioni del Vecchio e del Nuovo Testamento.

Media

Giunio Basso.