Questo sito contribuisce alla audience di

Malmusi, Giusèppe

patriota (Modena 1803-1865). Costretto a fuggire in Francia per aver partecipato a Roma a un moto contro il papa, ritornò in patria dopo alcuni anni e nel 1848 venne acclamato capo del governo provvisorio di Modena. Rifugiatosi più tardi a Torino, fu nominato console sardo prima a Barcellona e poi a Tangeri. Nel 1859 rientrò a Modena e come presidente dell'Assemblea Nazionale contribuì all'unione del ducato al Piemonte.

Media


Non sono presenti media correlati