Questo sito contribuisce alla audience di

Sartóri, Giovanni

politologo italiano (Firenze 1924). È fra i più prestigiosi studiosi dei sistemi politici contemporanei, che ha indagato attraverso l'adozione di metodologie comparative e l'elaborazione di tipologie ormai accreditate fra quelle classiche della scienza politica contemporanea. È stato docente all'Università di Firenze dal 1950 fino al 1976, quando si è trasferito all'Università di Stanford, California, quale professore di scienza politica e senior fellow della Hoover Institution. Dal 1979 è stato Albert Schweitzer Professor in the Humanities alla Columbia University di New York dove è professore emerito; dal 1993 è tornato a insegnare alla Facoltà di scienze politiche dell'Università di Firenze. Tra i suoi incarichi, è stato direttore dell'Istituto di scienza politica dell'Università di Firenze dal 1965 al 1976, professore del Consiglio accademico dell'Istituto Universitario Europeo nel 1975-76 e direttore del Centro studi della casa italiana alla Columbia University nel 1979-85. Si è a più riprese occupato del sistema politico italiano, intervenendo talvolta in forma polemica e originale nel dibattito sul ruolo dei partiti, sui processi di trasformazione che li interessano e sulle ipotesi di riforma elettorale e istituzionale. Fra i suoi lavori si ricordano Democrazia e definizioni (1957), Teoria dei partiti e caso italiano (1982), The Theory of Democracy Revisited (1987; Teoria della democrazia rivisitata), Elementi di teoria politica (1987), Democrazia: cosa è (1993), Homo videns: televisione e post-pensiero (1997) e Pluralismo, multiculturalismo ed estranei. Saggio sulla società multietnica (2000), ripubblicato nel 2002 con l'appendice Estranei e islamici. È direttore, dal 1971, della Rivista italiana di scienza politica. Dal 1998 è vicepresidente dell'associazione Società Libera. È inoltre accademico dei Lincei ed editorialista del Corriere della Sera. Nel 2003 ha pubblicato La Terra scoppia. Sovrappopolazione e sviluppo; nel 2004 Mala tempora e nel 2006 Mala costituzione e altri malanni, una raccolta del politologo che analizza lucidamente gli opportunismi e le inettitudini del nostro paese. Nel 2008 ha pubblicato La democrazia in trenta lezioni.

Media


Non sono presenti media correlati