Questo sito contribuisce alla audience di

memorandum

sm. inv. [sec. XIX; dal francese memorandum, propr. neutro del gerundivo latino memorandus, che va ricordato].

1) Nota che riporta per sommi capi i dati di un'attività o i punti di una questione, in particolare usata in diplomazia. § Nel diritto internazionale, documento unilaterale stilato in forma impersonale e privo delle formule di rito abituali: verte sopra un argomento, sul quale il presentante formula le proprie osservazioni. Può essere costituito da uno o più documenti e avere carattere riservato o pubblico. Il memorandum serve piuttosto a precisare i termini giuridico-politici di una data questione, ma non ha in sé capacità giuridica d'impegnare alla sua osservanza. La sua presentazione è fatta da chi gode di personalità giuridica in campo internazionale (Stato, organizzazione internazionale, ecc.). § Memorandum d'intesa, documento bilaterale o plurilaterale, che, oltre le caratteristiche del semplice memorandum, ha l'importanza di un accordo e impegna le parti alla sua osservanza. Il memorandum d'intesa però non è ancora un documento definitivo e lascia impregiudicati alcuni aspetti della questione che tratta. A questo riguardo il memorandum d'intesa, pur entrando subito in vigore, non è firmato ma solo siglato e non contiene ancora la clausola di ratifica.

2) Taccuino di appunti, dove si annotano, volta per volta, le cose da farsi o da ricordare.

3) Tipo di lettera commerciale per brevi comunicati. Anche foglio di carta da lettera, di formato ridotto, usato per tali comunicazioni.

Media


Non sono presenti media correlati