Questo sito contribuisce alla audience di

ragazzo

sm. (f. -a) [sec. XIV; dall'arabo raqqas, messaggero].

1) Adolescente, fanciullo: un ragazzo vivace, scontroso, esuberante; da ragazzo, nell'età dell'adolescenza; film per ragazzi, vedi infanzia. Con riferimento all'incoscienza e alla leggerezza tipiche della giovanissima età: sono cose da ragazzi; comportarsi da ragazzi; non fare il ragazzo; non sei più un ragazzo. In particolare, categoria ragazzi, nel calcio, quella che comprende i giovani che non hanno compiuto i 18 anni; nell'atletica leggera, i maschi sino ai 15 anni e le femmine fino ai 14.

2) Per estensione, giovinetto, uomo di età più adulta: sono tutti ragazzi sui vent'anni; un ragazzo per bene; un buon ragazzo; anche figlio: ecco il padre con i suoi ragazzi. Ai compagni di squadra, di gioco, di divertimento come incitazione: forza ragazzi!, andiamo ragazzi! Familiare, fidanzato, innamorato: non fa che parlare del suo ragazzo.

3) Garzone, aiutante: il ragazzo del macellaio.

4) Ant., mozzo di stalla, servitore: “tutte quelle cose facendo che a fante o a ragazzo si possono appartenere” (Boccaccio).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti